Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano

Area riservata Registrati

/bandi di gara

enti banditori

La Commissione Bandi intende favorire la più ampia circolazione delle informazioni relative alle gare bandite nella provincia di Milano e promuovere procedure di uniformità e conformità tali da garantire ai partecipanti le migliori condizioni di comprensione e valutazione dei Bandi e a tutti i soggetti coinvolti le migliori efficienze ed economie nello svolgimento delle procedure di gara.

La Commissione Bandi è a disposizione per chiarimenti, consulenze e collaborazioni, in particolare nelle fasi preparatorie e di redazione dei bandi.

L'esperienza della Commissione ha evidenziato alcune ricorrenti difficoltà segnalate da parte dei professionisti partecipanti, cosi riassumibili:

  • insufficiente definizione dell'oggetto (ubicazione, tipologie, estensione delle opere, fasi progettuali, articolazione delle prestazioni, tempi)
  • insufficienti riferimenti alle specifiche e diverse categorie di opere e ai relativi importi stimati
  • insufficiente specificazione degli elementi utili alla applicazione della Tariffa professionale (articolazione delle prestazioni, importi relativi alle diverse classi e categorie di tariffa)

Nel merito dei contenuti dei Bandi esaminati si sono poi riscontrate ricorrenti incongruenze in relazione alle norme vigenti. In particolare:

  • ricorso alla procedura di formazione di "Elenchi di professionisti" ad aggiornamento periodico, per incarichi di importo inferiore alla soglia comunitaria di € 100.000, laddove la attuale normativa richiede esplicita pubblicizzazione e specifica valutazione per ogni singolo affidamento fiduciario
  • inosservanza delle norme che prescrivono una sufficiente pubblicizzazione (anche per gli affidamenti fiduciari)
  • raggruppamento improprio di opere diverse e distinte, ancorché simili, in lotti unici facenti capo ad unico Ente Banditore
  • suddivisione impropria di opere unitarie e interconnesse con elusione delle soglie degli importi previste dalle norme comunitarie
  • applicazioni irregolari della Tariffa professionale, in particolare nella non corretta attribuzione di classi e categorie, nel calcolo delle spese, nella applicazione delle riduzioni di legge e nella richiesta di riduzioni non ammesse
  • richiesta di presentare cauzioni in fase di gara e/o di incarico, in contrasto con le nome vigenti in materia di gare e prestazioni di servizi di progettazione