temi

Laura Montedoro
Iscriviti alla visita guidata

L’architettura destinata ad ospitare spazi per il lavoro vanta a Milano una lunga tradizione: che si tratti di edifici destinati alla produzione industriale o a dare rappresentanza al sistema della finanza e delle banche, il periodo post-unitario ha offerto alcuni luoghi esemplari che presto hanno candidato il capoluogo lombardo ad affermarsi come capitale del lavoro e degli affari sulla scena nazionale, legando indissolubilmente la propria immagine urbana alla produttività. Ne è prova evidente la centralissima zona di piazza Cordusio, esito delle prime campagne di trasformazione del nucleo storico, dove l’architettura per le sedi bancarie mette a punto la propria persuasiva retorica. Fino alla metà degli anni Settanta, Milano poteva vantare uno straordinario patrimonio di fabbriche e di aree produttive. Ma è soprattutto il tema dell’architettura per il terziario a fornire numerose occasioni progettuali di verifica e di sperimentazione, intensificandosi negli ultimi decenni in risposta alla progressiva e incalzante smaterializzazione dei beni. L’itinerario proposto intende indagare in particolare queste occasioni, concentrando l’attenzione su alcuni edifici ritenuti particolarmente significativi.