tecniche

Paolo Brambilla

con la gentile collaborazione di Arcelor Mittal
Iscriviti alla visita guidata

 

La sperimentazione delle strutture in carpenteria metallica risale alla fine del XVIII secolo, con i primi ponti in ferro costruiti in Inghilterra. Percorrere la città di Milano per ritrovare gli edifici che più hanno messo in risalto le qualità dell’acciaio come materiale da costruzione permette di riflettere su come i progettisti moderni e contemporanei hanno sviluppato le sue potenzialità. La Galleria Vittorio Emanuele, ad esempio, mostra come l’introduzione di una tecnologia nuova consenta talvolta di creare innovazioni tipologiche di grande interesse. La sorprendente leggerezza della Torre al Parco di Gio Ponti, invece, si contrappone alla meditata ricerca dell’ambientamento dei BBPR in piazza Meda: in entrambi i casi, tuttavia, è l’eccezionalità della struttura a segnare l’architettura. Questa varietà di atteggiamenti progettuali consente di riconoscere come la città sia ricca di episodi architettonici che non corrispondono affatto ad un’unica logica metodologica e fanno comprendere come proprio tale stratificazione di esperienze così diverse sia in sé una ricchezza.