Il nuovo NH hotel progettato da Dominique Perrault e il suo partner italiano Luca Bergo chiude a Sud l'area congressi posta nel baricentro della nuova struttura fieristica in rapporto con il parco e l'autostrada Milano-Torino
L’impianto del progetto si fonda sull’estensione dei criteri ordinativi fondamentali del nuovo polo fieristico:
a)l’impianto a maglia ortogonale, quale struttura  razionale unificante dell’intero comparto oggetto dell’appalto e, potenzialmente, dello sviluppo futuro delle aree limitrofe; e complementare ad esso
b)la scelta di attribuire alle superfici, cioè ai colori e ai materiali di finitura impiegati, l’importante funzione di segnalare la presenza e la qualità delle diverse funzioni[...].
Il piano  di riferimento a quota +3 metri è il piano principale di organizzazione dello spazio architettonico.
Su questa piastra, sotto la quale scorrono la viabilità di accesso al piano interrato e l’anello veloce della Fiera,  appoggiano due torri inclinate, collegate tra loro da una crociera di metallo dorato.
Le due torri segnano, con la crociera che le collega, lo snodo principale del progetto.
Il collegamento tra gli alberghi e il Centro Congressi è assicurato da un percorso pavimentato, interamente coperto da una pensilina, che diventa il principale asse ordinatore del paesaggio[...].
Dalla seconda grande vasca d’acqua, delimitata dalle due torri a quota – 0,75 sorge un cilindro semitrasparente in metallo dorato, che ospita le scale al servizio delle uscite di sicurezza dei piani comuni delle due torri. Le scale consentono una rapida evacuazione dei piani inferiori, attraverso un  sistema di passerelle che le collega agli edifici in quota e all’area esterna del parcheggio[...].

Ciascuna torre ospita uno dei due alberghi: il 3 stelle ha 250 camere disposte su quindici piani: il 4 stelle ha 154 camere disposte su dodici livelli.
La conformazione della pianta dei piani camere è la stessa in entrambe le torri: Le camere sono distribuite lungo le due facciate verticali, servite da due corridoi, ai quali gli ospiti giungono dallo sbarco dei 3 ascensori a loro disposizione. Una o due camere si trovano di testata al nucleo, secondo la planimetria dei diversi piani.
Nel nucleo trovano posto anche due scale antincendio, gli ascensori di servizio, un ampio montacarichi utilizzabile anche per il soccorso in caso di intervento dei VVF, i locali tecnici di piano, con il cavedio delle condutture dell’aria, e l’asola per gli impianti elettrici, e l’office di piano, che può contenere un armadio e due carrelli[...].

 

La struttura prevista per la realizzazione della piastra e delle torri prevede una realizzazione di pareti portanti gettate in cemento armato, costituite da due scatole di quattro grandi lame parallele per ogni torre: quella interna contiene tutti i collegamenti verticali: scale, ascensori, cavedi; quella esterna costituita dalle quattro facciate: due verticali e due inclinate, tutte alleggerite dalle grandi forature delle finestre, con le strutture orizzontali previste in predalles.
La struttura della crociera, del cilindro e le pensiline è costituita da semplici portali in carpenteria metallica, sulla quale sono affrancate le pareti e la copertura che, sulla crociera, è costituita dai medesimi pannelli sandwich utilizzati per le pareti, mentre per la pensilina di collegamento al centro Congressi è in vetro stratificato serigrafato. Le pareti esterne del cilindro sono permeabili, in maglia metallica[...].

Le facciate delle due torri sono ventilate, e offrono eccellenti prestazioni termiche e acustiche. La stratigrafia mostra un rivestimento in lastrecomposite di gres porcellanato accoppiata a vetro, di 16 mm di spessore, sostenuto da una struttura portante in acciaio zincato, che costituisce una intercapedine d’aria di 8 cm, nella quale sono alloggiate le strutture portanti dei pannelli in alluminio anodizzato, fissate con tasselli su una parete portante in cemento armato gettato in opera da 25 cm, isolata all’esterno da doppie lastre isolanti in polistirene espanso sbattentate da 4 + 4 cm, con guaina impermeabile e, all’interno altri 3 cm all’interno. La parete, che è spessa complessibamente 52 cm, ha massa e inerzia considerevoli, ed è ottimamente isolata termicamente e acusticamente, sia sulla faccia interna che verso l’esterno.  Un pannello di cartongesso tinteggiato finisce elegantemente le superfici interne nelle camere e nei locali di servizio [Testo dalla relazione tecnica di progetto, Luca Bergo/DPA].

CREDITI:
Team di progetto: Dominique Perrault, Luca Bergo - partner italiano
strutture: Pool Eng, ing. Domenico Insinga
progetto esecutivo e impiantistica: Sinesis spa
con:
PFM studio - impianti elettrici e correnti deboli
2R impianti - impianti meccanici
consulenti: prof. Angelo Lucchini - facciata ventilata, dott. Mauro Mussin - acustica
Imprese:
ATI costituita da:
CCC - Bologna / CMB Milano
Impresa costruzioni Pessina SpA
Impresa costruzioni Marcora SpA
Fornitori:
Tosoni - facciata ingresso
Dellera - facciate ventilate
Alltek - infissi



Hotel NH

Rho, Est

Strutture ricettive

Dominique Perrault Architecture
dati generali

15.547,00 m²


2.369,00 m²


2.738,00 m²


23.774,00 m²


69


10,03 m²/m²

superfici per funzione


23.374,00 m²

avanzamento lavori
fonti

Arch. Luca Bergo