Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano

Area riservata Registrati

/in primo piano

/archivio notizie

Addio

Ricordando Riccardo Sarfatti, architetto
10/09/2010

É morto in un incidente stradale Riccardo Sarfatti. Nato a Milano nel 1940, è stato architetto, imprenditore e politico. Per vent’anni docente universitario al Politecnico di Milano e alla Facoltà di Architettura di Venezia. Negli ultimi anni è stato uno dei protagonisti del dibattito politico e culturale lombardo e nazionale.

Nel 1978 aveva fondato Luceplan, nota azienda nel settore dell'illuminazione e del  design. Ha inoltre ricoperto ruoli di prestigio in Confindustria, prima come Presidente di Assoluce, e poi come Vice Presidente di Federlegno-Arredo, ed è stato Presidente del CNAD (Consiglio Nazionale delle Associazioni per il Design).

I funerali si terranno lunedì 13 settembre alle ore 14,45 nella Basilica di S. Ambrogio a Milano.


Un ricordo di Franco Raggi

Riccardo Sarfatti non è stato un personaggio facile; di carattere deciso e di indole concreta ha sempre amato il rapporto diretto tra il pensare e il fare. Lo ha sempre fatto con generosità e a volte con irruenza evitando i compromessi e non disdegnando gli scontri con chi aveva idee diverse ma rispettando i modi e contenuti della democrazia.
Gli dobbiamo molte cose, specialmente nel campo dell’architettura e del design dove insieme a fedeli amici ha costruito una realtà imprenditoriale e culturale di alto livello come la Luceplan.
Gli dobbiamo l’idealismo e la coerenza con la quale ha portato avanti le sue idee  sia nel campo imprenditoriale che in quello della cultura.
Gli dobbiamo la capacità di avere visioni e di concepire progetti a lungo termine.
Gli dobbiamo l’ostinazione e la passione con la quale li ha perseguiti.

Una decina di anni fa ha deciso coraggiosamente di dedicarsi alla politica forse per cercare un rapporto più diretto e fattivo tra il suo operare e i problemi della società, cioè con i problemi di tutti noi.
Lasciare un’ attività nella quale si è inventato e sviluppato con successo e riconoscimenti per affrontare l’universo ambiguo, incerto e tortuoso della politica è stato per Riccardo Sarfatti un modo di affermare la necessita etica di un impegno sociale più largo da parte di chi  ha i mezzi e la cultura per farlo.
Al di là della simpatia e della stima personale, mi mancherà.

Franco Raggi

 

 

 

Condividi