Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano

Area riservata Registrati

/in primo piano

/archivio notizie

Milano che cambia

PGT. Una lettera al Presidente del Consiglio Comunale
13/07/2010

Milano, 08 luglio 2010

Prot. n. 100739


Al Presidente del Consiglio Comunale
Dr. Manfredi Palmieri
COMUNE DI MILANO
Piazza Scala 2
20121 Milano


A Tutti i Capigruppo dei gruppi consiliari


Dr. Giulio Gallera – Il Popolo della libertà
Dr. Paolo Andrea Gradnik - Lista Letizia Moratti
Dr. Matteo Salvini - Lega Nord
Dr. Pasquale Salvatore - U.D.C. Casini
Dr. Pierfrancesco Majorino - Partito Democratico
Dr.ssa Emilia Bossi in Moratti detta Milly Moratti - Milano Civica
Dr. Vladimiro Merlin - Rifondazione Comunista
Dr. Maurizio Baruffi - Verdi
Dr. Basilio Rizzo - Uniti con Dario Fo per Milano
Dr. Francesco Rizzati - Comunisti Italiani
Dr Franco De Angelis - Gruppo Misto

Via Tommaso Marino, 7
20121 Milano


e p.c.  Ai Signori firmatari dell’Appello

Guido Rossi
Milly Moratti
Ermanno Olmi
Gino Rigoldi
Carlin Petrini


Leggiamo sul Corriere di sabato 3 luglio che “i commenti assai negativi dell’Ordine degli Architetti” sul Piano di Governo del Territorio del Comune di Milano attualmente all’attenzione del Consiglio Comunale, hanno contribuito a creare preoccupazione e allarme.

I commenti citati sono probabilmente da ricondurre all’unico testo da noi prodotto su questo argomento all’inizio di dicembre dello scorso anno e pubblicato sul sito dell’Ordine.

Vogliamo precisare che si trattava di osservazioni su temi fondamentali che ritenevamo richiedessero ulteriori discussioni e approfondimenti. Tra il mese di marzo ed il mese di maggio di quest’anno abbiamo infatti promosso quattro serate di dibattito aperte a tutta la cittadinanza.

Quanto abbiamo fatto è coerente alla linea sempre seguita dall’Ordine, che anche in questo caso specifico è stata quella di fare delle proposte per contribuire sia alla comprensione dell’operatività del piano nella concreta pratica professionale, sia al dibattito culturale sullo sviluppo e sulle fortune della nostra città.

Non spetta all’Ordine professionale esprimere giudizi positivi o negativi sulle scelte politiche che stanno alla base del nuovo piano oggi in discussione, né tantomeno di entrare nell’agone politico prendendo partito per i sostenitori o per i detrattori.

È quindi del tutto fuori luogo richiamare le osservazioni dell’Ordine, espresse negli scritti e nelle discussioni, a sostegno dell’una o dell’altra parte.

Rinnovando la nostra disponibilità a collaborare per il successo di questo importante strumento Vi inviamo i nostri migliori saluti.


Il Presidente dell’Ordine
Dr. Arch. Daniela Volpi

Condividi