Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano

Area riservata Registrati

/Albo

ANDREA CESARE MATTEO BONESSA

numero di matricola 4881
indirizzo Via Lazzaro. Papi, 17 MILANO 20135 (Milano) sito www.bonessa.it dati professionali >>

Recupero di una ex tipografia a fini residenziali

Anno 2004

Committente Società Immobiliare privata

Tipologia prevalente Edifici residenziali

Team di progetto Arch. Andrea Bonessa, Arch. Giuliana Barilli, Arch. Paola Moroni

Luogo Viale Argonne 8 - Milano, Italia

Descrizione

Trasformazione di una tipografia pluripiano e relativo piano sottotetto.in una palazzina residenziale con abitazioni a pianta libera di superfici tra i 50 e i 150 mq . Inalterata la facciata principale dell’edificio, conservato il disegno delle ampie aperture e mantenuto il ritmo del fronte è stata aumentata la possibilità di accesso alle singole unità realizzando dei ballatoi con la struttura in ferro e pavimentazione in teak sul fronte cortile rivolto a sud. La traslazione dei percorsi di collegamento verticale e orizzontale alle abitazioni dall’interno all’esterno dell’edificio ha permesso di frazionare liberamente i singoli piani in più unità mentre la localizzazione dei ballatoi sul fronte sud dell’edificio ha automaticamente rivolto le zone giorno degli alloggi in direzione delle aree maggiormente soleggiate. L'intervento ha riguardato la ristrutturazione di una ex-stamperia di immagini sacre e “santini”, di circa 300 mq di pianta, che originariamente affacciava, tramite un ampio spazio verde antistante, sulla via Argonne, ma che negli anni 60 con la costruzione di un condominio di nove piani sulla via Argonne, si è ritrovato chiuso all’interno della cortina edilizia. I contorni della pianta rimangono quelli originari, con un unico gioco di "sottrazione": lo svuotamento di tutte le cortine murarie del corpo sporgente verso il giardino, lasciando a vista lo scheletro originario in cemento armato, per permettere il recupero di SLP dell’originario corpo scala interno. La distribuzione degli spazi interni viene invece completamente ribaltata: la facciata nord dell’edificio, che un tempo si affacciava direttamente su via Argonne, e che oggi si trova ad essere il primo impatto per chi entra dall’androne condominiale, diventa, in realtà, un “retro”, una corte con giardini privati ad uso delle unità al piano terreno. La facciata sud, completamente trasformata grazie al nuovo ballatoio distributivo degli open space interni, diventa il fronte principale dell’edificio, quello in cui si trovano i nuovi corpi scala e ascensore esterni, che si affaccia sul giardino interno condominiale. E’ un intervento che mantiene nei colori, nei volumi, nelle tipologie e dimensioni delle aperture il carattere originario, ma al contempo riqualifica gli affacci e le esposizioni delle nuove unità abitative. Le tipologie distributive interne sono state lasciate alla decisione dei singoli abitanti, creando semplicemente degli spazi open space con un locale servizio, in cui ognuno ha interpretato liberamente la distribuzione interna. La tipologia a ballatoio ha favorito contemporaneamente l’incontro fra gli inquilini omaggio alla tradizione milanese delle case di ringhiera.

/società tra professionisti


/consulta l'albo

/ricerca avanzata

(*) Elenco speciale dei docenti universitari a tempo pieno, previsto dalla Legge n. 382/1980 s.m.i.