Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano

Area riservata Registrati

/Biblioteca

EDILIZIA POPOLARE

EDILIZIA POPOLARE

Associazione Nazionale Istituti Autonomi per le Case Popolari, 1954 - 2009

“L'Associazione Nazionale fra gli Istituti Autonomi per le Case Popolari ritiene suo preciso compito richiamare l'attenzione degli studiosi, tecnici e politici sul problema della casa, promuovendo un largo dibattito intorno ai diversi aspetti di esso, attraverso la pubblicazione di Edilizia Popolare. Si propone, inoltre, di dare ampia divulgazione sull'attività svolta dagli Istituti Autonomi per le Case Popolari, enti di democrazia collettiva e strumenti esecutivi della politica edilizia del Governo della Repubblica. Partendo dall'affermazione che la casa è elemento essenziale della condizione umana, ne deriva, quale logica conseguenza, l'impossibilità di lasciare la soluzione del problema stesso alla libera determinazione dell'iniziativa privata, portata all'investimento edilizio non certo per il raggiungimento di scopi sociali, ma esclusivamente in funzione della tranquillità e del reddito derivante da tale particolare forma di investimento. La casa va poi considerata non un qualunque bene di consumo, ma come un particolare bene strumentale, in quanto, condizionando lo sviluppo della personalità dell'individuo ed esercitando una notevole influenza sulla preparazione intellettuale e spirituale dello stesso, ne determina l'apporto di attività nell'ambito dell’occupazione prima, e nell'ambito della sua partecipazione alla collettività locale poi. (…) Edilizia Popolare vuole pertanto mettere in evidenza la necessità di un coordinamento delle varie iniziative in atto per incrementare l'edilizia economica e sovvenzionata, studiare gli aspetti economici, finanziari e sociali del problema. Dato che si tratta della prima esperienza di rivista tecnica che esamini a fondo il problema della casa, l'Associazione Nazionale Ira gli Istituti Autonomi per le Case Popolari ritiene doveroso avvalersi della collaborazione di quanti studiosi, specializzati nei vari campi, intendano dare il loro contributo all'approfondimento ed alla soluzione razionale del problema stesso. Gli studiosi chiamati a collaborare saranno scelti, fra gli architetti, gli ingegneri, gli urbanisti, i giuristi, i sociologi e gli economisti (anche di altre nazioni), che possano portare il loro contributo diretto a tutti i problemi di una edilizia di massa, sia per attività già svolta in questo senso, sia perché la loro competenza, nei singoli argomenti, può giovare a chiarire aspetti generali o particolari dei problemi che riguardano l'edilizia popolare”.

da Camillo Ripamonti, “Editoriale” in Edilizia Popolare n. 1, 1954

numeri consultabili

anno

numero

1954

  • / n° 001

1955

  • / n° 002
  • / n° 003
  • / n° 004
  • / n° 005
  • / n° 006
  • / n° 007

1956

  • / n° 008
  • / n° 009
  • / n° 010
  • / n° 011
  • / n° 012
  • / n° 013

1957

  • / n° 014
  • / n° 015
  • / n° 016
  • / n° 017
  • / n° 018
  • / n° 019

1958

  • / n° 020
  • / n° 021
  • / n° 022
  • / n° 023
  • / n° 024
  • / n° 025

1959

  • / n° 026
  • / n° 027
  • / n° 028
  • / n° 029
  • / n° 030
  • / n° 031

1960

  • / n° 032
  • / n° 033
  • / n° 034
  • / n° 035
  • / n° 036
  • / n° 037

1961

  • / n° 038
  • / n° 039
  • / n° 040
  • / n° 041
  • / n° 042
  • / n° 043

1962

  • / n° 044
  • / n° 045
  • / n° 046
  • / n° 047
  • / n° 048
  • / n° 049

1963

  • / n° 050
  • / n° 051
  • / n° 052
  • / n° 053
  • / n° 054
  • / n° 055

1964

  • / n° 056
  • / n° 057
  • / n° 058
  • / n° 059
  • / n° 060
  • / n° 061

1965

  • / n° 062
  • / n° 063
  • / n° 064
  • / n° 065
  • / n° 066
  • / n° 067

1966

  • / n° 068
  • / n° 069
  • / n° 070
  • / n° 071
  • / n° 073

1967

  • / n° 074
  • / n° 075
  • / n° 076
  • / n° 077
  • / n° 078
  • / n° 079

1968

  • / n° 080
  • / n° 081
  • / n° 082
  • / n° 083
  • / n° 084
  • / n° 085

1969

  • / n° 086
  • / n° 087
  • / n° 088
  • / n° 089
  • / n° 090
  • / n° 091

1970

  • / n° 092
  • / n° 093
  • / n° 094
  • / n° 095
  • / n° 096
  • / n° 097

1971

  • / n° 098
  • / n° 099
  • / n° 100
  • / n° 101
  • / n° 102
  • / n° 103

1972

  • / n° 104
  • / n° 105
  • / n° 106
  • / n° 107
  • / n° 108
  • / n° 109

1973

  • / n° 110
  • / n° 111
  • / n° 112
  • / n° 113
  • / n° 114
  • / n° 115

1974

  • / n° 116
  • / n° 117
  • / n° 118
  • / n° 119
  • / n° 120
  • / n° 121

1975

  • / n° 122
  • / n° 123
  • / n° 124
  • / n° 125
  • / n° 126

1976

  • / n° 127
  • / n° 128
  • / n° 129
  • / n° 130
  • / n° 131
  • / n° 132
  • / n° 133

1977

  • / n° 134
  • / n° 135
  • / n° 137

1978

  • / n° 140
  • / n° 141
  • / n° 142
  • / n° 143
  • / n° 144
  • / n° 145

1979

  • / n° 146
  • / n° 147
  • / n° 148
  • / n° 149
  • / n° 150
  • / n° 151

1980

  • / n° 152
  • / n° 153
  • / n° 154
  • / n° 155
  • / n° 156
  • / n° 157

1981

  • / n° 158
  • / n° 159
  • / n° 160
  • / n° 161
  • / n° 162
  • / n° 163

1982

  • / n° 164
  • / n° 165
  • / n° 166
  • / n° 167
  • / n° 168
  • / n° 169

1983

  • / n° 170
  • / n° 171
  • / n° 173
  • / n° 174
  • / n° 175

1984

  • / n° 176
  • / n° 177
  • / n° 178
  • / n° 179
  • / n° 180
  • / n° 181

1985

  • / n° 182
  • / n° 183
  • / n° 184
  • / n° 185
  • / n° 186
  • / n° 187

1986

  • / n° 188
  • / n° 189
  • / n° 190
  • / n° 191
  • / n° 192
  • / n° 193

1987

  • / n° 194
  • / n° 195
  • / n° 196
  • / n° 197
  • / n° 198
  • / n° 199

1988

  • / n° 200

1991

  • / n° 214

1999

  • / n° 261/262
  • / n° 263

2000

  • / n° 264/265

2004

  • / n° 279/280/281

2010

  • / n° 284/285

/contatti

ORDINE ARCHITETTI P.P.C.
DELLA PROVINCIA DI MILANO

BIBLIOTECA

Florencia Andreola
biblioteca@ordinearchitetti.mi.it
opac.ordinearchitetti.mi.it

Il fondo bibliotecario dell’Ordine degli Architetti e della Fondazione è consultabile presso la sede il lunedì e il giovedì dalle 11 alle 13 e dalle 14 alle 16 e il mercoledì dalle 14 alle 18, su appuntamento da richiedere via mail all'indirizzo biblioteca@ordinearchitetti.mi.it