RE
Regolamento Edilizio
RE
Regolamento
Edilizio
Adozione:
Approvazione:
Pubblicazione:
Deliberazione n. 9 - Seduta Consiliare del
14.4.2014
Deliberazione n. 27 - Seduta Consiliare del
2.10.2014
BURL - Serie Avvisi e Concorsi - n. 48 del
26.11.2014
Testo modificato a seguito dell'approvazione delle controdeduzioni alle osservazioni, del parere
dell’ASL e dell'accoglimento delle proposte di modifica presentate in C.C.
Testo aggiornato con Deliberazione di Giunta n. 2542 del 29 dicembre 2015 e Determinazione
Dirigenziale n. 8 del 3 febbraio 2016
2
+
INDICE
PARTE PRIMA NORME GENERALI ........................................................................... 9
TITOLO I _ Disposizioni generali ............................................................................................................... 9
Art.1
AMBITO DI APPLICAZIONE ............................................................................................... 9
Art.2
PUBBLICITA’, TRASPARENZA ED ECONOMICITA’ ..... ... .. ... .. ... .. ... .. ... .. ... ... .. ... .. ... .. ......... 9
Art.3
AGGIORNAMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO ..................................................... 10
Art.4
OSSERVATORIO EDILIZIO CITTADINO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........................ 10
TITOLO II _ Qualità dell’abitato ................................................................................................................ 11
Art.5
AMBIENTE URBANO ........................................................................................................ 11
Art.6
ELEMENTI PROGETTUALI PER LA QUALITA’ DEGLI INTERVENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 1
Art.7
PROGETTAZIONE UNIVERSALE – SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE
11
Art.8
CONCORSI DI PROGETTAZIONE . . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .................................. 12
Art.9
EDIFICAZIONE ALL’INTERNO DEI CORTILI (Specifica in attuazione agli artt. 13, 15 e 17
delle NdA del PdR) ........................................................................................................................ 13
Art.10
TUTELA AMBIENTALE DEL SUOLO E DEL SOTTOSUOLO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 3
Art.11
MANUTENZIONE E REVISIONE PERIODICA DELLE COSTRUZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 4
Art.12
RECUPERO URBANO E SICUREZZA PUBBLICA - Aree ed edifici dismessi, inedificati e
in disuso ........................................................................................................................................ 15
Art.13
SALE DA GIOCO E INSTALLAZIONE DI APPARECCHI PER IL GIOCO D'AZZARDO
LECITO - SALE SCOMMESSE .................................................................................................... 16
PARTE SECONDA NORME PROCEDURALI ........................................................... 18
TITOLO I _ Sportello Unico per l’Edilizia e organizzazione .................................................................. 18
Art.14
SPORTELLO UNICO PER L’EDILIZIA - Soggetti competenti per i procedimenti ........... 18
Art.15
AVVIO DEL PROCEDIMENTO ......................................................................................... 18
Art.16
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO ........................................................................ 19
Art.17
RESPONSABILE DEL SERVIZIO ..................................................................................... 20
Art.18
CONFERENZA DEI SERVIZI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .......................................... 20
Art.19
RICHIESTA DEI POTERI SOSTITUTIVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ......................... 21
Art.20
CONSIGLI DI ZONA E EDILIZIA DI INTERESSE ZONALE ............................................ 21
Art.21
NORMA TRANSITORIA PER L’ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 1
TITOLO II _ Le procedure ......................................................................................................................... 22
CAPO
I
INTERVENTI
E
TITOLI ............................................................................................................ 22
Art.22
TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI EDILIZI ....................................................................... 22
Art.23
ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .................. 22
Art.24
ATTIVITA’ EDILIZIA LIBERA . . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . . .. . .. . .. . ........................................... 23
Art.25
COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA’ EDILIZIA LIBERA (C.I.A.L.) ................................. 23
Art.26
SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA’ (S.C.I.A.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 3
Art.27
DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA’ (D.I.A.) ......................................................................... 23
Art.28
PERMESSO DI COSTRUIRE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ......................................... 24
Art.29
PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (P.A.S.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. 24
Art.30
DESTINAZIONI D'USO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ................................................... 25
Art.31
PERMESSI DI COSTRUIRE IN DEROGA . . . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. ....................... 25
Art.32
ESECUZIONE DI OPERE PUBBLICHE ........................................................................... 26
CAPO
II
-
MODALITA’
DIRETTA
CONVENZIONATA ............................................................................. 26
Art.33
MODALITADIRETTA CONVENZIONATA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..................... 26
Art.34
UTILIZZO E TRASFERIMENTO DI DIRITTI EDIFICATORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 8
Art.35
CONVENZIONAMENTO TIPOLOGICO E PLANIVOLUMETRICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 8
3
Art.36
CESSIONE DI AREE, REALIZZAZIONE DI OPERE A SCOMPUTO E CONFERIMENTO
DI DOTAZIONI TERRITORIALI PER SERVIZI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........................... 28
Art.37
REALIZZAZIONE EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
Art.38
CONVENZIONAMENTO DELLE FUNZIONI COMMERCIALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 9
Art.39
PROCEDIMENTO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO O CON ATTO
UNILATERALE DOBBLIGO . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . ........................................................ 29
Art.40
ISTRUTTORIA PRELIMINARE FACOLTATIVA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............. 32
CAPO
III-
MODALITA’
DI
ASSOLVIMENTO
DEL
CONTRIBUTO
DI
COSTRUZIONE .......................... 32
Art.41
CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ................................. 32
Art.42
OPERE DI URBANIZZAZIONE E SERVIZI PUBBLICI, DI INTERESSE PUBBLICO O
GENERALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ................................................................................. 33
Art.43
ATTO RICOGNITIVO DELLA DENSITA’ EDILIZIA E VINCOLO DI ASSERVIMENTO . . . 3 3
Art.44
CERTIFICATO URBANISTICO ........................................................................................ 34
Art.45
INTERVENTI URGENTI.................................................................................................... 34
Art.46
INTERVENTI EDILIZI IN DEROGA E DI ADEGUAMENTO IGIENICO SANITARIO . . . . . . . 3 4
Art.47
FASCICOLO DEL FABBRICATO ..................................................................................... 36
TITOLO III _ Tutela paesaggistica ............................................................................................................ 37
CAPO
I
COMMISSIONE
PER
IL
PAESAGGIO .................................................................................... 37
Art.48
COMPETENZE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............................................................... 37
Art.49
COMPOSIZIONE .............................................................................................................. 37
Art.50
DURATA ........................................................................................................................... 38
Art.51
FUNZIONAMENTO ........................................................................................................... 38
Art.52
REGOLAMENTO INTERNO . . .. . . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . ............................................ 39
CAPO
II
NORME
PROCEDURALI ....................................................................................................... 40
Art.53
AUTORIZZAZIONE PER INTERVENTI SU BENI PAESAGGISTICI ............................... 40
Art.54
GIUDIZIO SINTETICO DI SOSTENIBILITA’ PAESAGGISTICA ...................................... 40
Art.55
ESAME PRELIMINARE FACOLTATIVO DELLA COMMISSIONE PER IL PAESAGGIO 4 0
PARTE TERZA ESERCIZIO DELL’ATTIVITA’ EDILIZIA .......................................... 41
TITOLO I _ L’esecuzione degli interventi ................................................................................................ 41
Art.56
INIZIO DEI LAVORI .......................................................................................................... 41
Art.57
ULTIMAZIONE DEI LAVORI . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. ........................................... 41
Art.58
ALLEGATI ALLE DICHIARAZIONI DI INIZIO E FINE LAVORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 1
Art.59
RICHIESTA E CONSEGNA DEI PUNTI FISSI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............... 42
Art.60
RECINZIONI PROVVISORIE ........................................................................................... 43
Art.61
STRUTTURE PROVVISIONALI . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. ...................................... 43
Art.62
REQUISITI E DOTAZIONI DEI CANTIERI ....................................................................... 44
Art.63
DEMOLIZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ................................................................. 45
Art.64
OPERAZIONI DI SCAVO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ................................................ 45
Art.65
GESTIONE DEL MATERIALE PROVENIENTE DALLO SCAVO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 5
Art.66
RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI, STORICI E ARTISTICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 5
Art.67
ORDIGNI BELLICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........................................................... 46
Art.68
MANUFATTI ATTINENTI A SERVIZIO PUBBLICO E SUOLO PUBBLICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 6
Art.69
INTERRELAZIONI CON AREE VERDI E VIABILITA’ ...................................................... 46
TITOLO II _ Agibili.................................................................................................................................. 47
Art.70
AGIBILITA’ E AGIBILITA’ PARZIALE ............................................................................... 47
TITOLO III _ Varianti e interventi non ultimati ........................................................................................ 49
Art.71
TOLLERANZE DI CANTIERE ........................................................................................... 49
Art.72
VARIANTI . . . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. ......................................................................... 49
Art.73
INTERVENTI NON ULTIMATI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ......................................... 50
4
PARTE QUARTA – OGGETTO DELL’ATTIVITA’ EDILIZIA ........................................ 51
TITOLO I - Regole generali degli interventi ............................................................................................ 51
CAPO
I
NORME
PRELIMINARI ........................................................................................................... 51
Art.74
S.L.P. (Attuazione dell’Art. 4 delle NdA del PdR) ............................................................. 51
Art.75
TUTELA AMBIENTALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ................................................... 52
Art.76
SUPERFICIE FILTRANTE E SALVAGUARDIA DEL SUOLO NON EDIFICATO ............ 52
Art.77
PROGETTAZIONE UNIVERSALE: ACCESSIBILITA’, VISITABILITA’, ADATTABILITA
DEGLI EDIFICI – BARRIERE ARCHITETTONICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .................. 53
CAPO
II
CONNESSIONE
DEGLI
EDIFICI
CON
L’ABITATO ................................................................ 54
Art.78
ATTREZZATURE PER INDICAZIONI ED ALTRI APPARECCHI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 4
Art.79
NUMERO CIVICO DEGLI EDIFICI E NUMERAZIONE INTERNA ................................... 54
Art.80
MARCIAPIEDI E SPAZI DI USO PUBBLICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ................. 55
Art.81
ACCESSO ALLA RETE VIARIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...................................... 56
Art.82
NUOVI PASSI CARRABILI . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .............................................. 56
Art.83
ACCESSI AI PARCHEGGI ............................................................................................... 57
Art.84
ALLACCIAMENTO DEGLI EDIFICI AI SERVIZI A RETE ................................................ 58
TITOLO II _ Conformazione e dotazione degli edifici, delle unità immobiliari e norme igieniche .... 58
CAPO
I
CONFORMAZIONE
E
DOTAZIONE
DEGLI
EDIFICI .............................................................. 59
Art.85
CAMPO DI APPLICAZIONE . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . . .. . .. . .. . . ............................................ 59
Art.86
DISTANZE E ALTEZZE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .................................................. 59
Art.87
EDIFICAZIONE SUL CONFINE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...................................... 60
Art.88
LOCALI SEMINTERRATI E SOTTERRANEI . . . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. .................. 60
Art.89
SCALE .............................................................................................................................. 61
Art.90
LOCALI SOTTOTETTO NON AGIBILI ............................................................................. 62
Art.91
VOLUMI TECNICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............................................................ 62
Art.92
AGGETTI SU STRADA, PARAPETTI E DAVANZALI ...................................................... 62
Art.93
PREVENZIONE DEI RISCHI DI CADUTA DALL’ALTO ................................................... 63
Art.94
SERVIZI INDISPENSABILI DEGLI EDIFICI . . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .................... 64
CAPO
II
CONFORMAZIONE
E
DOTAZIONI
DELLE
UNITA’
IMMOBILIARI ........................................ 64
Art.95
ALTEZZE MINIME DEI LOCALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...................................... 64
Art.96
CONFORMAZIONE E SUPERFICIE DEGLI ALLOGGI E DELLE ALTRE UNITA’
IMMOBILIARI ................................................................................................................................ 64
Art.97
SUPERFICIE MINIMA UTILE DEGLI AMBIENTI.............................................................. 65
Art.98
CUCINE, SPAZI DI COTTURA, LOCALI BAGNO E SERVIZI IGIENICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 5
Art.99
SOPPALCHI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .................................................................... 66
CAPO
III
QUALITA’
DELL’ARIA ........................................................................................................... 66
Art.100
RISCONTRO D'ARIA ...................................................................................................... 67
Art.101
AERAZIONE ATTIVATA: CONDIZIONAMENTO - VENTILAZIONE MECCANICA ........ 67
Art.102
AERAZIONE DI TIPO INDIRETTO ................................................................................. 67
Art.103
AERAZIONE NATURALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .............................................. 67
CAPO
IV
REQUISITI
ILLUMINOTECNICI ............................................................................................ 68
Art.104
ILLUMINAZIONE . .. .. ... ... .. ... .. ... .. ... .. ... .. ... ... .. ... .. ... ............................................................ 68
Art.105
REQUISITI DI ILLUMINAZIONE NATURALE E DIRETTA ............................................. 68
Art.106
PARTI TRASPARENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .................................................. 69
CAPO
V
AERAZIONE
ATTIVATA,
VENTILAZIONE
E
REQUISITI
IGROTERMICI ............................. 69
Art.107
AERAZIONE DEI SERVIZI IGIENICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............................. 70
Art.108
DOTAZIONE MINIMA DI CANNE ................................................................................... 70
Art.109
AERAZIONE TRAMITE CORTILI, PATII . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....................... 70
Art.110
CORTI O CORTILI ........................................................................................................... 70
Art.111
PATII ................................................................................................................................. 71
Art.112
CAVEDI ............................................................................................................................ 71
Art.113
CAVEDI TECNICI O PASSI D'UOMO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............................ 72
TITOLO III _ Norme speciali ..................................................................................................................... 72
5
Art.114
RECUPERO DEI SOTTOTETTI ...................................................................................... 72
Art.115
PARCHEGGI .. .. ... .. ... .. ... .. ... .. ... ... .. ... .. ... .. ... .. ..................................................................... 74
Art.116
MANUFATTI PROVVISORI ............................................................................................. 75
TITOLO IV _ Ambiente ed ecosostenibili............................................................................................. 76
CAPO
I
-
DISPOSIZIONI
GENERALI ...................................................................................................... 76
Art.117
PRINCIPI GENERALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..................................................... 76
CAPO
II
TUTELA
DALL’INQUINAMENTO
ACUSTICO ........................................................................ 76
A
RT
.118
CONTENUTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .................................................................. 76
Art.119
CLIMA ACUSTICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ......................................................... 76
Art.120
IMPATTO ACUSTICO ..................................................................................................... 77
Art.121
MITIGAZIONI ACUSTICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............................................ 77
Art.122
REQUISITI ACUSTICI PASSIVI ...................................................................................... 77
CAPO
III
SCARICHI
ACQUE
REFLUE
E
RIFIUTI ................................................................................ 78
Art.123
RETE DI SCARICO DELLE ACQUE REFLUE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .............. 78
Art.124
RACCOLTA E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ................................... 78
Art.125
DEPOSITO E SPAZI PER LA RACCOLTA RIFIUTI ....................................................... 78
CAPO
IV-
ENERGIA,
FONTI
RINNOVABILI,
ECOSOSTENIBILITA’ ...................................................... 79
Art.126
CONTENUTI E AMBITO DI APPLICAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ................ 79
Paragrafo I _ LIVELLO MINIMO DI ECOSOSTENIBILITA’ DEGLI EDIFICI ...................................... 79
Art.127
DISPOSIZIONI GENERALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............................................ 79
Art.128
INDICE DI PRESTAZIONE ENERGETICA GLOBALE DELL’EDIFICIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 0
Art.129
PRESTAZIONI DELL’INVOLUCRO OPACO................................................................... 80
Art.130
PRESTAZIONI DEI SERRAMENTI ................................................................................. 81
Art.131
SERRE BIOCLIMATICHE E SISTEMI PASSIVI DI CAPTAZIONE DELL’ENERGIA ...... 81
Art.132
IMPIANTI DI PRODUZIONE DEL CALORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .................. 82
Art.133
PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI NELLA STAGIONE ESTIVA .. ... .. ... .. .. 8 2
Art.134
VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA ............................................................ 83
Art.135
FONTI RINNOVABILI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ......................................... 83
Art.136
EFFICIENZA IMPIANTI ILLUMINAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..................... 83
Art.137
RIDUZIONE CONSUMI INDIVIDUALI ACQUA POTABILE ............................................ 84
Paragrafo II _ GLI INCENTIVI ............................................................................................................. 85
Art.138
TIPOLOGIE DI INCENTIVO ............................................................................................ 85
Art.139
INCENTIVI PER LE NUOVE COSTRUZIONI E REQUISITI DI ACCESSO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 5
Art.140
INCENTIVI PER EDIFICI ESISTENTI E REQUISITI DI ACCESSO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 7
Art.141
INCENTIVI PER EDIFICI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 0
Art.142
CONDIZIONI PER L’UTILIZZO E LA CESSIONE DEI DIRITTI VOLUMETRICI ............ 91
Art.143
SCHEDE REQUISITO . .. ... .. ... ... .. ... .. ... .. ... .. ... .. ... ... .. ... .. .................................................... 91
Art.144
CONTROLLI E SANZIONI IN MATERIA DI ECOSOSTENIBILITA’ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 1
CAPO
V
INQUINAMENTO
DA
RADON................................................................................................ 92
Art.145
RIDUZIONE DEGLI EFFETTI DEL GAS RADON SULLA SALUTE ............................... 92
PARTE QUINTA – VIGILANZA ..................................................................................... 93
Art.146
VIGILANZA SULL’ATTIVITA’ EDILIZIO-URBANISTICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
Art.147
FUNZIONI DI VIGILANZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .............................................. 93
Art.148
SANZIONI CONSEGUENTI A VIOLAZIONI DEL REGOLAMENTO EDILIZIO ... .. ... .. ... . 9 4
Art.149
VIGILANZA DEL CANTIERE PER SALUTE E SICUREZZA, NONCHE’ REGOLARITA’
DEI RAPPORTI DI LAVORO ........................................................................................................ 95
Art.150
RISPETTO DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI ANTIMAFIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 6
PARTE SESTANORME TRANSITORIE E FINALI ................................................... 97
Art.151
NORMA TRANSITORIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ................................................. 97
ALLEGATO 1 - SCHEDE .............................................................................................. 98
6
Scheda 1 _ Riduzione dei consumi energetici globali dell’edificio ..................................................... 98
Scheda 2 _ Inerzia termica e efficienza estiva dell’involucro ............................................................. 101
Scheda 3 _ Rinnovabili elettriche .......................................................................................................... 102
Scheda 4 _ Ventilazione meccanica degli ambienti ............................................................................. 103
Scheda 5 _ Spazi verdi e superfici esterne .......................................................................................... 104
Scheda 6 _ Tetti verdi ............................................................................................................................. 105
Scheda 7 _ Uso di materiali ecocompatibili ......................................................................................... 106
Scheda 8 _ Efficienza energetica dell’involucro ................................................................................. 107
Scheda 9 _ Efficienza degli impianti e rinnovabili termiche ............................................................... 110
Scheda 10 _ Climatizzazione estiva, sistemi per la climatizzazione .................................................. 111
ALLEGATO 2 - DISCIPLINA PER LE RETI INTERNE DI FOGNATURA DEI
FABBRICATI ED IL LORO SCARICO FINALE ............................................................... 113
CAPO
I
_
RETI
INTERNE ..................................................................................................................... 113
Art.1
RETI INTERNE _ TIPI DI SCARICO. .............................................................................. 113
Art.2
RETI INTERNE _ DEFINIZIONI ...................................................................................... 113
Art.3
RETI INTERNE _ PRESCRIZIONI .................................................................................. 113
Art.4
RETI INTERNE _ PROGETTO COLLAUDO GESTIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 1 5
CAPO
II
_
SCARICHI............................................................................................................................. 115
Art.5
ZONE SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 115
Art.6
VIE PRIVATE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ................................................................. 116
Art.7
ZONE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 116
Art.8
DIVIETI............................................................................................................................. 116
Art.9
AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO: SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA ............. 116
Art.10
AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO: SCARICO SU SUOLO ED IN CORSO D’ACQUA
SUPERFICIALE .......................................................................................................................... 117
CAPO
III
_
ALLACCIAMENTI
ALLA
FOGNATURA
DEGLI
STABILI
PRIVATI ..................................... 117
Art.11
ALLACCIAMENTO ALLA FOGNATURA PUBBLICA: DEFINIZIONI E PRESCRIZIONI
TECNICHE . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. . .. . . .. . .. ................................................................................ 117
Art.12
ALLACCIAMENTO ALLA FOGNATURA PUBBLICA: REALIZZAZIONE ....................... 117
Art.13
ALLACCIAMENTO ALLA FOGNATURA PUBBLICA: OBBLIGHI PER I PROPRIETARI
118
Art.14
RIMANDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........................................................................ 118
Art.15
NORMA DI PREVALENZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............................................ 118
GLOSSARIO ............................................................................................................... 119
7
8
REGOLAMENTO EDILIZIO
Direzione Centrale Sviluppo del Territorio
Settore Sportello Unico per l’Edilizia
9
PARTE PRIMA – NORME GENERALI
TITOLO I _ Disposizioni generali
Art.1 AMBITO DI APPLICAZIONE
1. Il presente Regolamento è approvato in forza degli Articoli 28 e 29 della legge regionale n.
12/2005.
2. Il Regolamento si applica a tutti gli interventi, disciplinati dalla normativa vigente, dal Piano di
Governo del Territorio (PGT) e dagli ulteriori strumenti pianificatori, per i quali detta le norme
necessarie a darne esecuzione.
3. In caso di interventi complessi, realizzati mediante piani e programmi attuativi, ovvero
strumenti di programmazione negoziata e permessi convenzionati, le norme edilizie
contenute in tali strumenti prevalgono sulle norme del presente Regolamento, ove ciò sia
espressamente indicato.
4. Sono ammessi interventi edilizi in deroga al presente Regolamento per edifici e impianti
pubblici o di interesse pubblico, secondo le modalie le procedure indicate dalla normativa
nazionale e regionale.
5. In caso di contrasto, le norme di carattere igienico sanitario contenute nel presente
Regolamento prevalgono sul Regolamento Locale di Igiene del Comune di Milano.
Art.2 PUBBLICITA’, TRASPARENZA ED ECONOMICITA’
1. Nell'esercizio delle sue attribuzioni urbanistiche, edilizie e ambientali, il Comune di Milano
ritiene essenziale il contributo delle diverse competenze degli operatori pubblici e privati, dei
soggetti portatori di interessi pubblici o privati, nonché i portatori di interessi diffusi costituiti in
associazioni, cui possa derivare un pregiudizio dal provvedimento, ai quali garantisce la
collaborazione nelle fasi procedimentali disciplinate dal presente Regolamento.
2. L'Amministrazione Comunale si attiene ai principi di pubblicità, trasparenza, partecipazione,
efficacia ed efficienza, di amministrazione digitale, di definizione e individuazione delle
responsabilità, nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente, comprensivo di quanto
previsto per i documenti già in suo possesso.
3. Il Comune di Milano ai fini degli obiettivi di cui al comma precedente, favorisce la riunione dei
procedimenti amministrativi connessi in ragione della natura degli interessi pubblici e/o privati,
coinvolti nei medesimi procedimenti.
4. L’Amministrazione Comunale pubblica, provvedendo allaggiornamento nel rispetto delle
novità normative e regolamentari, sul proprio sito internet:
la modulistica che linteressato deve presentare per ogni procedimento edilizio,
unitamente all’elenco degli atti e documenti da allegare;
lelenco degli uffici anche decentrati ove è possibile presentare i progetti di opere
edilizie o chiedere informazioni sugli interventi in corso di esecuzione;
le circolari, le disposizioni, le determine e gli atti attinenti l'attivi edilizia e la sua
disciplina nonché l’elenco completo della documentazione richiesta e le modalità
operative delle procedure;
lelenco dei procedimenti riguardanti le richieste di formazione di titolo abilitativo;
lelenco delle autorizzazioni paesaggistiche presentate;
i nominativi del Responsabile del Procedimento e del Dirigente cui è attribuito il
potere sostitutivo nel caso di inerzia nella conclusione del procedimento;
lorganigramma delle strutture competenti per i procedimenti.
10
Art.3 AGGIORNAMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO
1. Le modifiche del presente Regolamento sono di competenza del Consiglio Comunale, salvo
quanto previsto nel successivo comma.
2. Il presente Regolamento è automaticamente aggiornato per adeguarlo a disposizioni di legge,
a decisioni della Corte Costituzionale e sentenze definitive del Consiglio di Stato. Tale
aggiornamento è effettuato con provvedimento del Direttore cui è affidato il coordinamento
delle attività edilizie, da pubblicarsi sul sito web del Comune.
Art.4 OSSERVATORIO EDILIZIO CITTADINO
1. Con il compito di affiancare l’Amministrazione Comunale nelle attività di aggiornamento e di
interpretazione del Regolamento Edilizio, noncper proporre soluzioni innovative, anche di
ordine organizzativo e procedurale, è istituito l'Osservatorio Edilizio Cittadino.
2. L’Osservatorio, nominato dalla Giunta Comunale per un periodo di tre anni, è composto da un
Dirigente delle Unità Organizzative competenti in materia edilizia e urbanistica e da esperti
nelle seguenti materie:
legislazione edilizia ed urbanistica;
progettazione architettonica;
sostenibilità ambientale;
tecnica e tecnologia delle costruzioni;
tutela del paesaggio;
disabilità.
Detti esperti - che potranno possedere competenze anche per più di una delle suddette
materie - sono scelti all'interno di terne di nominativi segnalati dai singoli Ordini e Collegi
professionali. Il loro nominativo è pubblicato sul sito web del Comune.
3. Entro il 30 giugno di ogni anno l'Osservatorio presenta alla Giunta, ai Consigli di Zona e
all’Assessore competente un rapporto sui problemi emersi nell'applicazione del regolamento,
presentando eventualmente proposte di modifica e integrazione.
4. I dirigenti degli uffici urbanistici ed edilizi dell’Amministrazione Comunale, la Commissione per
il Paesaggio, i Consigli di Zona, gli Ordini, i Collegi e le Associazioni di Categoria possono
segnalare all'Osservatorio i problemi giuridici, procedurali e tecnici di carattere generale
inerenti all’applicazione del presente Regolamento.
11
TITOLO II _ Qualità dell’abitato
A
rt.5 AMBIENTE URBANO
1. L’Amministrazione Comunale favorisce le iniziative e gli interventi edilizi che nella
progettazione, nella costruzione e nell’uso siano rivolti a migliorare il paesaggio e diminuire gli
impatti sull’ambiente urbano, in termini di utilizzo e vivibilità. Sono perciò incentivati gli
interventi innovativi in termini architettonici, ambientali e culturali, che dimostrino particolare
attenzione alla qualità della forma costruita intesa come insieme di manufatti e spazi aperti.
2. Il Comune favorisce il recupero del patrimonio edilizio, in particolare delle aree e degli
immobili in disuso. Vengono promossi il rifacimento di facciate, la sistemazione delle aree
verdi private, l'inserimento di elementi di arredo urbano, compresi idonei stalli, manufatti o
altri elementi per il parcheggio e il ricovero delle biciclette (realizzati con materiali idonei a
garantire l’indeformabilità del suolo), i manufatti delle aziende erogatrici di pubblici servizi,
l’adeguata integrazione di parcheggi pubblici e privati, la realizzazione delle reti ecologiche.
3. Con particolare riferimento ai piani di cablaggio della città presentati da operatori autorizzati, il
Comune di Milano promuove e incentiva le opere volte ad adeguare gli edifici esistenti in
ordine alle necessarie dotazioni di canalizzazioni interne, di allacciamenti a rete e di
infrastrutture per i servizi di telecomunicazione.
4. L’Amministrazione Comunale, secondo le competenze attribuite dalle norme vigenti, esegue,
avvalendosi della Commissione Comunale per il Paesaggio, un esame dei progetti
relativamente alla qualità estetica ed all’inserimento nel paesaggio.
Art.6 ELEMENTI PROGETTUALI PER LA QUALITA’ DEGLI INTERVENTI
1. Gli interventi di nuova edificazione e di recupero degli edifici esistenti, ivi compresi i manufatti
delle aziende erogatrici di pubblici servizi, in particolare se prospicienti spazi pubblici, devono
garantire un corretto inserimento paesistico nel contesto urbano.
2. Gli interventi sulle facciate devono essere realizzati con materiali di finitura e accorgimenti
tecnici resistenti agli agenti atmosferici.
3. Le sistemazioni esterne ai fabbricati costituiscono parte integrante del progetto edilizio. Il
progetto e la realizzazione delle superfici filtranti ed occupate concorrono al corretto
inserimento dell’intervento nel contesto urbano e alla valorizzazione dello stesso.
4. L’Amministrazione Comunale promuove, nella trasformazione e rinnovo del patrimonio
edilizio esistente, il miglioramento delle condizioni di comfort interno, la riduzione delle
emissioni inquinanti, l’uso razionale dell’energia, lo sviluppo delle fonti rinnovabili, anche
attraverso il sistema di premialità ed incentivi di cui all’Articolo 10 delle norme del Piano delle
Regole e alle ulteriori disposizioni del Titolo IV, Parte IV del presente Regolamento
(Ecosostenibilità).
Art.7 PROGETTAZIONE UNIVERSALE – SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE
1. Tutti gli interventi edilizi (a partire da quelli di manutenzione straordinaria) devono essere
progettati e realizzati per migliorare il grado di fruibilità degli edifici esistenti, secondo i criteri
di Accessibilità, Visitabilità e Adattabilità, con soluzioni conformi alla normativa in materia di
Superamento ed Eliminazione delle Barriere Architettoniche e secondo le indicazioni di buone
prassi. Gli edifici di nuova costruzione (o completamente ristrutturati) devono rispettare
pienamente la normativa a garantire l'Accessibilità.
2. La progettazione dovrà garantire i requisiti di Accessibilità, Visitabilità, Adattabilità, con le
modalità, i criteri e le prescrizioni previsti dalle normative vigenti.
3. Al fine di garantire una migliore qualità della vita e la piena fruibilità dell'ambiente, costruito e
non costruito, per tutte le persone e in particolare per le persone con disabilità (motoria,
sensoriale, cognitiva ecc...), ovvero per l'utenza ampliata, la progettazione sarà orientata non
solo all'applicazione della norma, ma anche ai criteri di Progettazione Universale di cui alla
Legge 13/89
Dpr 503/96
LR 6/89
12
convenzione ONU sui diritti per le persone con disabilità ratificata con L. n. 18 del 3 marzo
2009.
4. Saranno da favorire tutti gli interventi che migliorano l'Accessibilità delle parti comuni degli
edifici condominiali, degli spazi aperti e delle unità immobiliari aperte al pubblico.
Art.8 CONCORSI DI PROGETTAZIONE
1. In adempimento a quanto previsto dall’art. 11.15 delle Norme di Attuazione del Piano delle
Regole del PGT, il presente Articolo individua i casi in cui è riconosciuta una premialità agli
interventi oggetto di procedura concorsuale per la redazione di piani e/o progetti architettonici,
al fine di favorire il confronto tra diverse soluzioni, migliorare l’offerta qualitativa e per
affermare il primato e la qualità del progetto.
2. Sono espressamente esclusi i concorsi ad inviti ed i concorsi in forma ristretta con selezioni
basate su curricula, esperienze precedenti o fatturato.
3. La suddetta premialità si applica a tutte le funzioni urbane esclusivamente per gli interventi
diretti di sostituzione e nuova costruzione - convenzionati e non - e a tutti i Piani Attuativi, con
le seguenti gradualità:
Nei Piani Attuativi
2% della Slp ammessa dalle norme, al netto di eventuali altri incentivi, nel caso di
Concorso sul Piano Attuativo;
5% della Slp ammessa dalle norme, al netto di eventuali altri incentivi, in caso di
Concorso sul progetto architettonico conseguente al Piano Attuativo;
La premialità destinata al progetto architettonico è riconosciuta qualora il Concorso abbia
ricompreso le architetture ritenute maggiormente significative dell’intervento e/o lo spazio
pubblico qualora questo rivesta un ruolo determinante.
Nel caso non venga attuato il Concorso sul Piano Attuativo la premialità destinata al progetto
architettonico è riconosciuta nella misura del 5% e il Concorso deve essere esteso a tutte le
opere previste dal Piano Attuativo stesso.
Negli interventi diretti convenzionati e non convenzionati
5% della Slp ammessa dalle norme, al netto di eventuali altri incentivi. In tal caso
tutta la slp dovrà essere oggetto del Concorso che ricomprende ogni opera oggetto
del successivo titolo edilizio.
4. La premialità per i Concorsi di progettazione potrà essere utilizzata per il raggiungimento
dell’indice di utilizzazione massimo previsto dalle Norme di Attuazione del Piano delle Regole
(in alternativa o in forma composita con le altre modalità di composizione dell’indice); nel caso
di interventi che prevedono il recupero integrale della Slp esistente, la premialità dovrà essere
oggetto di trasferimento per la quota eccedente l'indice massimo di utilizzazione.
5. La procedura del Concorso dovrà essere gestita da un Responsabile Unico del Concorso
(RUC) nominato dal proponente l’intervento. Il RUC dovrà, con uno specifico Documento di
Concorso, fornire ai concorrenti:
le condizioni, le procedure, le regole del Concorso e i criteri di valutazione delle
proposte, raccolti nel bando di concorso elaborato sulla base degli schemi prodotti
dagli Ordini e dalle associazioni professionali o dagli Uffici Comunali;
le regole urbanistico/edilizie vigenti;
il quadro dei vincoli e dei condizionamenti eventualmente insistenti nell’area;
la scheda - programma del Concorso (linee guida).
Il RUC acquisisce preventivamente il parere degli Uffici, anche mediante richiesta di
convocazione di conferenza dei Servizi qualora necessaria, e della Commissione Comunale
per il Paesaggio (cui sarà invitato il rappresentante del Consiglio di Zona) sulle linee guida
del concorso da fornire ai concorrenti.
6. Il RUC dovrà garantire il corretto svolgimento del concorso e l’adeguata pubblicità
dell’iniziativa e dei suoi esiti anche con la pubblicazione in un’apposita pagina del sito web del
Comune di Milano.
7. La Giuria del Concorso sarà composta da un minimo di cinque giurati e dovrà essere
composta in maggioranza da progettisti (architetti o ingegneri). La maggioranza dei
componenti la giuria (3/5) sarà scelta liberamente dal proponente; i rimanenti (2/5) saranno
scelti sulla base delle terne fornite su specifica richiesta dagli Ordini professionali.
13
8. L’esito del Concorso sarà riportato su apposito v
e
rbale, sottoscritto da tutti i componenti la
Giuria, da allegare alla pratica edilizia o agli elaborati di Convenzione nel quale sono
esplicitati i fattori qualificanti del progetto che hanno motivato la scelta del vincitore.
9. Il riconoscimento della premialità è condizionato alla coerenza del progetto presentato con
detti fattori qualificanti.
10. L’esito del Concorso di progettazione non condiziona l’istruttoria del progetto da parte degli
Uffici comunali, e/o le valutazioni successive della Commissione per il Paesaggio, ma queste
ultime non dovranno comunque discostarsi dalle valutazioni dai medesimi già espresse sulle
“linee guida” di cui al punto 5 del presente Articolo.
Art.9 EDIFICAZIONE ALL’INTERNO DEI CORTILI (Specifica in attuazione agli artt. 13, 15 e 17
delle NdA del PdR)
Ai fini dell’applicazione degli articoli 13, 15, 17 delle Norme di Attuazione del Piano delle Regole
del PGT, non costituiscono cortili gli spazi pertinenziali all’interno di lotti funzionali che presentino
almeno una delle seguenti caratteristiche:
a) lotti funzionali che non ospitano funzioni residenziali, che non siano adiacenti a lotti funzionali
con presenza di funzioni residenziali;
b) lotti funzionali che confinino per almeno il 60% con spazi pubblici aperti (strade, piazze,
parcheggi, verde, ecc.) oggetto, nella loro totalità d’interventi di ristrutturazione urbanistica o
interventi di nuova costruzione e/o sostituzione edilizia;
c) lotti funzionali di superficie superiore a 5.000 mq., oggetto, nella loro totalità, di interventi di
ristrutturazione urbanistica o di nuova costruzione e/o sostituzione edilizia il cui assetto
planivolumetrico dovrà in ogni caso essere valutato dalla Commissione per il Paesaggio
secondo le procedure previste dall’art. 40 del presente Regolamento edilizio.
Art.10 TUTELA AMBIENTALE DEL SUOLO E DEL SOTTOSUOLO
1. Al fine di garantire la tutela ambientale del territorio devono essere sottoposte ad Indagine
Ambientale Preliminare (IAP) per la verifica dello stato di qualità del suolo e sottosuolo:
a) le aree e gli immobili dove storicamente siano state svolte attività industriali in genere o
inerenti il deposito, il commercio e l’utilizzo di sostanze pericolose (incluse, ad esempio,
le industrie insalubri, di cui all’Articolo 216 del testo unico delle leggi sanitarie e s.m.i., e i
distributori di carburanti), da convertire a destinazioni d'uso diverse o da riqualificare,
mantenendo la funzione produttiva;
b) le aree e gli immobili con destinazioni produttive, industriali o artigianali da convertire a
usi di tipo residenziale, verde pubblico o assimilabili (nidi, scuole, etc.);
c) le aree oggetto di piani urbanistici attuativi e strumenti di programmazione negoziata, le
aree assoggettate a permesso di costruire convenzionato ove siano previste cessioni di
aree al Comune, nonché tutte le aree oggetto di cessione a pertinenza indiretta, anche se
non ricorrono le condizioni di cui alle lettere a) e b);
d) le aree già sottoposte a procedimenti di caratterizzazione o bonifica, ove la nuova
destinazione prevista preveda requisiti di qualità più stringenti di quelli accertati.
2. L'Indagine Ambientale Preliminare deve essere realizzata a cura e spese del responsabile
della contaminazione o del soggetto interessato, muniti dell'assenso del proprietario (se non
coincidente), o dal proprietario, restando impregiudicata per quest’ultimo ogni azione di
rivalsa nei confronti del soggetto responsabile della contaminazione. L'esito dell'indagine
deve essere reso in forma di dichiarazione sostitutiva di atto notorio, la relazione illustrativa
deve essere sottoscritta da un tecnico che ne certifica la validità. L'indagine non è necessaria
qualora il proponente possa esibire per l'area in oggetto, per obiettivi coerenti con l’intervento
da realizzare, il certificato di avvenuta bonifica o, in alternativa, il provvedimento di
conclusione positiva del procedimento di bonifica o l’esito di una precedente indagine,
allegando inoltre dichiarazione sostitutiva di atto notorio relativa alla non compromissione
dello stato di qualità delle matrici ambientali nel tempo intercorso dall’emissione degli atti
elencati.
3. Il soggetto che procede alle indagini deve inviarne i risultati al Comune di Milano - Sportello
Unico per l’Edilizia - che ne invierà copia all'ufficio competente per la pratica edilizia o
DD 63-2014 del 22.12.2014 edificazione nei cortili
14
urbanistica - e, in conformità ai disposti di legge, al Settore Bonifiche (Servizio Indagini
Ambientali), nonché alla Provincia di Milano e, per conoscenza, all'ARPA. Qualora i risultati
dell’indagine suddetta evidenzino potenziali contaminazioni a carico delle matrici ambientali,
così come definite dalla normativa vigente, deve essere dato avvio al procedimento di
bonifica nel rispetto delle modalità previste dalla legge. L'avvio del procedimento di bonifica
implica la sospensione dei termini del procedimento per il rilascio del titolo edilizio o per
l'approvazione del piano e dell'intervento, sino al provvedimento di autorizzazione
dell'intervento di bonifica, ma non interrompe l’esame edilizio del progetto. L'avvio dei lavori
edilizi è comunque condizionato alla conclusione del procedimento di bonifica e al rilascio
delle eventuali relative certificazioni, salvo che per le demolizioni e per le altre opere
strettamente propedeutiche agli interventi di bonifica per le quali il responsabile del
procedimento di bonifica abbia espresso specifico nulla osta.
3bis. Sulla base di quanto previsto dal punto 11 della D.g.r. 23 maggio 2012 n. IX/3509, qualora il
progetto di bonifica preveda la suddivisione in specifici lotti eventualmente tramite
frazionamento catastale o fasi temporali, le opere edilizie possono essere avviate sulle
porzioni di terreno che non devono essere assoggettate a bonifica, anche in contemporanea
alle opere di bonifica che devono essere realizzate su altre specifiche porzioni.
4. Qualora gli enti competenti, ai quali è trasmesso l'esito dell'indagine, dovessero ravvisare la
necessità di integrazioni e approfondimenti, lo comunicheranno al Responsabile del
Procedimento edilizio o urbanistico, che interrompe il procedimento di rilascio del titolo o di
approvazione del piano o sospende l'efficacia del titolo g rilasciato, sino alla positiva
valutazione delle integrazioni. Se da queste integrazioni dovesse emergere la presenza di
potenziale contaminazione si opererà così come previsto nel precedente comma 3.
5. I risultati dell’indagine suddetta o il certificato di avvenuta bonifica devono essere allegati a
tutte le richieste di titoli edilizi o comunicazioni di effetto analogo, anche in caso di modifica
della destinazione d’uso senza opere, nonché allegati al fascicolo del fabbricato di cui
all’Articolo 47.
6. In caso di presenza di serbatoi interrati dismessi o da dismettere di qualsiasi tipologia, gli
stessi devono essere asportati in via preliminare alla suddetta indagine, salvo i casi di
comprovata impossibilità tecnica di rimozione.
Art.11 MANUTENZIONE E REVISIONE PERIODICA DELLE COSTRUZIONI
1. I proprietari hanno l'obbligo di mantenere le costruzioni in condizioni di agibilità, di decoro, di
idoneità igienica e di sicurezza socio-ambientale, assicurando tutti i necessari interventi.
2. È altresì obbligo, nel caso di manufatti contenenti amianto, darne comunicazione al Comune
di Milano (Settore Politiche Ambientali) ai fini del censimento regionale e, qualora ne
sussistano i presupposti, porre in essere tutti gli interventi prescritti dalla normativa nazionale
e regionale.
3. L’Amministrazione comunale p far eseguire in ogni momento, previo congruo preavviso,
ispezioni dal personale tecnico e sanitario del Comune o dell’A.S.L., ovvero da altro
personale qualificato, per accertare le condizioni delle costruzioni e determinare gli
adeguamenti necessari da prescrivere ai proprietari degli immobili.
4. Qualora la mancanza delle condizioni di agibilità, decoro, igiene e di sicurezza urbana sia di
portata tale da comportare pericolo per la pubblica incolumità, l'igiene pubblica o la sicurezza
socio-ambientale, trovano applicazione tutte le disposizioni vigenti in materia edilizia, sanitaria
e di sicurezza urbana al fine di adottare gli opportuni provvedimenti, anche contingibili e
urgenti.
5. Negli interventi di manutenzione degli edifici o di rifacimento dei tetti o delle facciate - così
come negli stabili di nuova costruzione - devono essere adottati accorgimenti tecnici tali da
impedire la posa e la nidificazione dei piccioni. Tali accorgimenti possono consistere nella
apposizione di griglie o reti a maglie fitte ai fori di aerazione dei sottotetti non abitabili, dei
solai, dei vespai con intercapedine ventilata, agli imbocchi di canne di aspirazione e
aerazione forzata e nell’apposizione di appositi respingitori su cornicioni, tettoie, grondaie,
finestre e simili. E’ invece favorita la conservazione e la creazione di nidi per chirotteri,
rondini, rondoni o altri uccelli protetti, tramite la fornitura gratuita dei nidi da parte del Comune
di Milano.
15
6. Tutti i fabbricati, entro 50 anni dalla data di c
o
llaudo delle strutture, o in assenza di questo,
dalla loro ultimazione, dovranno essere sottoposti ad una verifica dell’idoneità statica di ogni
loro parte secondo la normativa vigente alla data del collaudo o, in assenza di questo, alla
data di ultimazione del fabbricato, che dovrà essere certificata da un tecnico abilitato. A tale
verifica dovranno essere sottoposti anche gli edifici interessati, per almeno la metà della loro
superficie, da cambio di destinazione d’uso, da interventi di manutenzione straordinaria,
restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione se non sussistono gli estremi di legge
per un nuovo collaudo statico. Tali certificazioni dovranno poi essere allegate al fascicolo del
fabbricato o alla documentazione dell’edificio come indicato all’Articolo 47 del presente
Regolamento e dovranno indicare la scadenza oltre la quale è necessaria la successiva
verifica. Entro 5 anni dall’entrata in vigore del presente Regolamento, tutti i fabbricati esistenti
ultimati da più di 50 anni o che raggiungeranno i 50 anni in questo periodo non in possesso di
certificato di collaudo, dovranno essere sottoposti a tale verifica e certificazione. Entro 10 anni
dall’entrata in vigore del presente Regolamento, tutti i fabbricati esistenti con data di collaudo
delle strutture superiore a 50 anni o che raggiungeranno i 50 anni in questo periodo,
dovranno essere sottoposti a tale verifica e certificazione. Il certificato di idoneità statica dovrà
anche indicare gli elementi strutturali che potrebbero non essere idonei per le normative
vigenti al momento della redazione del certificato stesso pur non inficiandone la sua
regolarità. Tale certificato dovrà essere integrato da una relazione sullo stato di
conservazione degli elementi strutturali “secondari” e degli elementi non strutturali dell’edificio
(parapetti, facciate, tamponamenti, ecc.), ponendo particolare attenzione al rischio di crollo di
elementi esterni e/o su zone comuni e alla presenza di lesioni e cedimenti in atto, così come
indicati nel par. 7.2.3 delle Norme Tecniche del D.M. 14.01.2008, anche redatta da un altro
tecnico abilitato. Nel caso del mancato rilascio di tale certificazione nei limiti temporali previsti
viene meno l’agibilità dell’edificio o delle parti di questo non certificate. In caso di
compravendita i notai dovranno allegare tali certificazioni all’atto di vendita.
Art.12 RECUPERO URBANO E SICUREZZA PUBBLICA - Aree ed edifici dismessi, inedificati e in
disuso
1. Il recupero urbano, la riqualificazione sociale e funzionale delle aree e/o degli edifici sono
valori di interesse pubblico da tutelare mediante attività a difesa della qualità urbana, del
decoro e dell’incolumità pubblica.
2. I proprietari o i titolari di diritti su tali beni de
vono provvedere alla custodia, alla manutenzione
e al decoro degli stessi, anche al fine di evitare fenomeni di degrado urbano, occupazioni
abusive, nonché situazioni di pericolo per l’ordine pubblico, l’integrità fisica della popolazione
e la sicurezza urbana. Le aree devono essere adeguatamente recintate e sottoposte ad
interventi periodici di pulizia, cura del verde, e, se necessario, di disinfestazione o di
derattizzazione. In particolari situazioni di rischio dovute alla presenza di amianto, serbatoi,
linee di raccolta e smaltimento delle acque si deve provvedere al mantenimento in efficienza
e sicurezza delle strutture interessate o alla loro bonifica.
3. L’Amministrazione Comunale, qualora accerti che lo stato di abbandono, di degrado urbano e
di incuria delle aree e/o degli edifici determina pericolo per la sicurezza, o per la salubrità o
l’incolumità pubblica, oppure disagio per il decoro e la qualità urbana, diffida i soggetti di cui al
precedente comma ad eseguire interventi di ripristino, pulizia e messa in sicurezza delle aree,
nonché di recupero degli edifici sotto il profilo edilizio, funzionale e ambientale e ne dà
informazione ai Consigli di Zona.
Ferma restando ogni ulteriore valutazione, ai fini del presente Articolo si presumono
abbandonati gli edifici che non siano manutenuti e utilizzati per più di cinque anni, ove tale
non utilizzo riguardi almeno il 90% delle loro superfici.
4. Entro 90 giorni dalla notificazione della diffida di cui al comma precedente i proprietari o i
titolari di diritti su detti immobili devono presentare progetto preliminare per l’esecuzione degli
interventi edilizi, per la sistemazione e la manutenzione, o per la riconversione funzionale
degli stessi in conformità alle previsioni del Piano di Governo del Territorio, allegando una
relazione che espliciti le modali e i tempi per l’esecuzione degli interventi di recupero
urbano e di riqualificazione sociale e funzionale.
chiarimenti sismica
Norme tecniche per le Costruzioni
Circolare di Applicazione
16
5. Decorso il termine di cui al precedente comma e constatata l’inerzia dei proprietari o dei
titolari di diritti su tali beni, l’Amministrazione Comunale, fatte salve le sanzioni penali ed
amministrative previste dalle leggi in vigore, provvede in via sostitutiva all’esecuzione di
interventi di manutenzione e di pulizia degli immobili, nonca mettere in sicurezza le aree.
Le relative spese sostenute dall’Amministrazione dovranno essere rimborsate dai proprietari
o titolari di diritti su tali beni entro trenta giorni dalla richiesta e, in difetto, tali spese saranno
riscosse coattivamente con la procedura prevista dalla normativa vigente. In caso di
inottemperanza agli ordini impartiti ai sensi del presente e del precedente Articolo è prevista
una sanzione commisurata a 200/mq di consistenza catastale degli immobili.
5bis. I proprietari o i titolari di immobili o aree di cui ai commi precedenti, potranno intervenire su
detti immobili o aree per interventi volti alla realizzazione e l’insediamento, ancorché in via
temporanea, di destinazioni d’uso e/o funzioni di cui al Catalogo dei Servizi del Piano dei
Servizi del PGT Vigente. Fatto salvo il rispetto delle normative in materia ambientale e di
sicurezza, gli interventi di cui sopra potranno essere assentiti e realizzati con permesso di
costruire convenzionato di cui al presente Regolamento. L’attuazione di tali interventi è
subordinata alla normativa del PGT in materia di realizzazione di Servizi Costruiti
Convenzionati o Accreditati.
6. Il Consiglio Comunale, qualora il proprietario non intervenga e l'intervento sostitutivo di cui
sopra sia eccessivamente oneroso o comunque non immediatamente attivabile, - nello
svolgimento della propria attività di definizione del migliore assetto urbanistico del territorio e
con l’intento di perseguire l’interesse pubblico a un corretto ed armonico utilizzo delle aree e
degli edifici in stato di abbandono, di non uso, di degrado e/o dismissione - qualora accerti
che lo stato di abbandono, di degrado urbano e di incuria delle aree e/o degli edifici
rappresenti un imminente pericolo per la sicurezza, o la salubrità o lincolumità pubblica
provvede, altresì, ad attivare uno dei seguenti procedimenti:
a) di attribuzione a tali beni di una destinazione pubblica, di interesse pubblico o generale,
assumendo gli atti e gli strumenti previsti dalla legislazione nazionale e regionale vigente;
b) di recupero delle aree non residenziali dismesse, ai sensi dell’art. 97 bis della Legge
Regionale 11.3.2005 n. 12.
7. Fatto salvo quanto disposto dai commi che precedono, l’amministrazione nel corso
dell’istruttoria di nuovi interventi inerenti aree libere dovrà accertare se il richiedente o altra
socie controllata, controllante, o collegata ex art. 2359 c.c. è titolare di beni immobili in
disuso e/o abbandonati, ai sensi del precedente comma 3. In caso affermativo l’avvio degli
interventi sull’area libera, sacondizionato alla presentazione di una proposta di intervento
dell’immobile in disuso e/o abbandonato e all’avvio dei lavori sullo stesso.
Art.13 SALE DA GIOCO E INSTALLAZIONE DI APPARECCHI PER IL GIOCO D'AZZARDO LECITO
- SALE SCOMMESSE
1. In attuazione della L.R. n. 8 del 21/10/2013, per tutelare determinate categorie di soggetti
maggiormente vulnerabili e per prevenire fenomeni da gioco d'azzardo patologico, è vietata
l’apertura di sale pubbliche da gioco e la nuova collocazione di apparecchi per il gioco
d'azzardo lecito in locali che si trovino a una distanza inferiore a cinquecento metri da istituti
scolastici di ogni ordine e grado, luoghi di culto, impianti sportivi, strutture residenziali o
semiresidenziali operanti in ambito sanitario o sociosanitario, strutture ricettive per categorie
protette, luoghi di aggregazione giovanile e oratori. La limitazione non si applica all’Ippodromo
del Galoppo e del Trotto realizzati e gestiti, in coerenza con l’oggetto sociale della sociedi
gestione, per attività connaturate e tradizionalmente connesse all’esercizio, dietro regolari
concessioni, autorizzazioni e licenze, di concorsi pronostici, lotterie e giochi comunque
denominati; per queste ultime attività dovrà essere predisposto e reso evidente apposito
regolamento a tutela dei minori e a prevenzione di situazioni patologiche.
2. Sono inoltre individuati quali ulteriori luoghi sensibili da cui rispettare le distanze di cui al
comma precedente: parchi gioco, caserme, ospedali, cliniche, luoghi di particolare valore
civico e culturale quali musei e sedi di associazioni di volontariato che si dedicano alla
pubblica assistenza.
17
3. Tale distanza è calcolata considerando la soluzione più restrittiva tra quella che prevede un
raggio di 500 metri dal baricentro del luogo sensibile, ovvero un raggio di 500 metri
dall’ingresso considerato come principale.
4. I locali destinati alle sale giochi devono avere accesso al piano terreno, direttamente
prospicienti la strada, ad eccezione di quelli all’interno di centri commerciali di grande e media
struttura di vendita e dell’Ippodromo del Galoppo e del Trotto con connaturata attività di
concorsi pronostici, lotterie e giochi di cui al secondo periodo del comma 1: per queste ultime
attività dovrà essere predisposto e reso evidente apposito regolamento a tutela dei minori e a
prevenzione di situazioni patologiche; non è ammessa la nuova collocazione di apparecchi
per il gioco d'azzardo lecito in edifici che ospitano funzioni residenziali, nei lotti funzionali con
presenza di ERS e in edifici, o parte di essi, notificati o vincolati ai sensi della parte seconda
del D. Lgs. 42/2004 (Codice dei beni culturali e del paesaggio).
5. In nessun caso è consentita l'installazione degli apparecchi da gioco all'esterno dei locali o
fuori dalle aree destinate all'attività di sala giochi.
6. È fatto divieto di utilizzo, per quanto riguarda linsegna o comunque per lidentificazione della
sala giochi, del termine di “Casinò” o di altre definizioni che possano richiamare il gioco
d’azzardo o costituiscano incitamento al gioco ovvero esaltazione della sua pratica.
7. L’apertura delle sale scommesse di cui all’art. 88 del T.U.L.P.S. è parimenti soggetta alle
disposizioni e modalità previste dal presente articolo per le sale gioco.
18
PARTE SECONDA – NORME PROCEDURALI
TITOLO I _ Sportello Unico per l’Edilizia e organizzazione
Art.14 SPORTELLO UNICO PER L’EDILIZIA - Soggetti competenti per i procedimenti
1. L’Amministrazione si compone in strutture organizzate per la gestione unitaria dei
procedimenti disciplinati dal presente Regolamento che, anche ai fini della semplificazione
degli stessi, è garantita dallo Sportello Unico per l’Edilizia.
Lo Sportello Unico per l’Edilizia tramite le proprie strutture organizzative svolge le attività di
informazione, di ricezione delle dichiarazioni, segnalazioni, denunce o istanze edilizie, di
adozione di ogni atto comunque denominato in materia edilizia.
Lo Sportello Unico per l’Edilizia si rapporta e si coordina anche con le attività delle altre
Direzioni, Servizi e Unità Organizzative competenti in attività inerenti i titoli, i
convenzionamenti, i piani di attuazione e gli accordi di programma.
2. Ai fini di quanto sopra e tenuto conto delle normative vigenti in materia di procedimento
dell’attività edilizia si intendono:
per Responsabile del Procedimento, il responsabile della specifica unità organizzativa
presso la quale è incardinato il procedimento o il funzionario allo scopo nominato;
per Responsabile del Servizio, il Dirigente preposto alla direzione dello stesso, cui
compete in via generale l’adozione dei titoli abilitativi espressi e la nomina del
Responsabile del Procedimento, nonché i poteri sostitutivi nei confronti del Responsabile
del Procedimento;
per Responsabile dello Sportello Unico per l’Edilizia, il suo Direttore cui competono anche
i poteri sostitutivi nei confronti del Responsabile del Servizio e del Responsabile del
Procedimento nelle unità prive di Dirigente.
3. Lo Sportello Unico per l’Edilizia cura i rapporti tra il soggetto interessato, l’Amministrazione
Comunale e gli altri Enti ed Amministrazioni chiamati a pronunciarsi in ordine all’attività
edilizia. Tutte le comunicazioni al soggetto interessato vengono trasmesse esclusivamente
dalla struttura competente.
4. Il Direttore cui è affidato il coordinamento delle attività edilizie svolge anche la ricognizione
degli aggiornamenti al Regolamento Edilizio indicati dall’Articolo 3 del medesimo.
Art.15 AVVIO DEL PROCEDIMENTO
1. Possono presentare richiesta di titoli abilitativi edilizi o le altre richieste disciplinate dal
presente Regolamento il proprietario dell’immobile o chi ne abbia titolo.
2. La presentazione delle pratiche avviene su supporto cartaceo e, ove previsto dalla legge, per
via telematica. In ogni caso, tutta la documentazione annessa, ivi compresi gli elaborati
grafici, deve essere fornita anche su supporto digitale, la cui conformità al cartaceo è
asseverata dal progettista abilitato. In relazione alle innovazioni organizzative ed informatiche
del Settore, potranno essere introdotte nuove modalità di presentazione che saranno
immediatamente pubblicate sul sito internet del Comune.
3. Il progetto e la documentazione a corredo devono rispondere ai seguenti requisiti essenziali:
fornire un’efficiente illustrazione delle opere previste e del loro inserimento nel contesto,
con particolare riferimento ai valori paesaggistici e ambientali;
fornire la rappresentazione puntuale delle costruzioni limitrofe e delle relative aperture
finestrate, con specificazione grafica ed in scala delle distanze intercorrenti tra tali
costruzioni e aperture e la costruzione oggetto di intervento, nonché fornire chiara
rappresentazione delle distanze dal confine;
19
dare dimostrazione del rispetto delle principali norme ad esso applicabili;
4. E’ sempre ammessa l’autocertificazione in tutti i casi previsti dalla normativa vigente di
settore.
5. Lo sportello unico per l’edilizia costituisce l’unico punto di accesso per il privato interessato in
relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti il titolo abilitativo e l’intervento edilizio
oggetto dello stesso, pertanto ogni richiesta, denuncia, segnalazione e comunicazione
depositato presso altro Ufficio comunale, si intenderà presentato alla data in cui perviene allo
Sportello Unico.
6. A seguito della presentazione del progetto, la struttura competente nei termini di legge rende
noto al soggetto legittimato il nominativo del Responsabile del Procedimento, nonché i dati
relativi all'unità organizzativa competente per l'istruttoria.
Art.16 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
1. Il Responsabile del Procedimento, nell’esercizio delle funzioni definite dalla legge e
dettagliate dal presente Regolamento, ispira la propria attività al rispetto dei principi di
efficacia, economicità e non aggravamento dell’azione amministrativa, di partecipazione degli
interessati, anche ai sensi dell'art. 52 dello Statuto Comunale, di collaborazione nella fase di
iniziativa e di contraddittorio nelle fasi di valutazione.
2. Il Responsabile del Procedimento, anche avvalendosi del personale della sua unità
organizzativa, deputato all’istruttoria tecnica e amministrativa, deve assicurare la verifica:
della regolarità formale e della completezza della documentazione;
dei casi di inapplicabilità di CIAL / DIA / SCIA;
delleventuale necessità di modalità diretta convenzionata, di cui agli Articoli 31 e
seguenti del presente Regolamento.
3. Il Responsabile del Procedimento richiede tempestivamente (e comunque nel rispetto dei
termini di legge) al soggetto legittimato le integrazioni necessarie e, qualora sussistano
ragioni di irricevibilità o inammissibilità delle istanze/dichiarazioni/segnalazioni, ne informa il
Responsabile del Servizio.
4. In particolare, qualora la qualifica dell'intervento richieda un titolo edilizio diverso da quello
presentato, il Responsabile del Procedimento comunica al Dirigente la diversa qualificazione
normativa. L’interessato potrà chiedere, nella nuova istanza adeguata alla diversa
qualificazione, di avvalersi della documentazione e delle autocertificazioni già presentate.
5. Il Responsabile del Procedimento dirige e coordina l'istruttoria, svolgendo la funzione di
indirizzo della attività delle unità organizzative comunali, anche esterne alla struttura
competente, che siano coinvolte nel procedimento. Il coordinamento istruttorio da parte del
Responsabile del Procedimento assicura, nei riguardi di tutti gli interessati, l’unicità e la non
contraddittorietà del momento decisionale in tutte le fasi del procedimento. Il Responsabile
del Procedimento accerta d'ufficio i fatti, disponendo - anche nei confronti delle unità
organizzative esterne - il compimento di tutti gli atti all'uopo necessari, nonché adottando ogni
misura per l'adeguato e sollecito svolgimento dell'istruttoria, quali ad esempio l'acquisizione di
dichiarazioni, documenti e accertamenti, sopralluoghi e verifiche.
6. Il Responsabile del Procedimento invia le comunicazioni scritte al soggetto legittimato,
formula le richieste di integrazione dell'istanza/dichiarazione/segnalazione, esamina tutte le
memorie scritte o documenti che eventuali terzi abbiano prodotto, organizza e gestisce le
eventuali fasi di partecipazione del soggetto legittimato, di terzi o del pubblico al
procedimento.
7. Il Responsabile del Procedimento conclude l'istruttoria formulando motivata proposta al
Responsabile del Servizio competente ai fini dell'emanazione del provvedimento finale o del
preavviso di rigetto di cui all'Articolo 10-bis della legge 241/1990. La motivata proposta
atto dei pareri espressi e contiene la qualifica tecnico-giuridica dell'intervento proposto, le
valutazioni sulla conformità del progetto alle prescrizioni urbanistiche ed edilizie e le
risultanze dell’esame di tutte le memorie presentate e delle controdeduzioni svolte nel corso
dell’istruttoria.
8. Il Responsabile del Procedimento deve provvedere tempestivamente a inviare al Settore
competente gli atti di densità edilizia, registrati e trascritti, anche nel caso di utilizzo di diritti
20
edificatori disciplinati dal comma 2 dell'Articolo 3
4 del presente Regolamento, al fine di
annotare gli stessi sul Registro delle Cessioni dei Diritti Edificatori.
Art.17 RESPONSABILE DEL SERVIZIO
Il Responsabile del Servizio:
comunica al soggetto legittimato l’irricevibili o l’inammissibilità dell'istanza/
dichiarazione/segnalazione, indicandone le ragioni;
diffida dall’esecuzione dei lavori in caso di accertata inapplicabilità dal campo di
applicazione della CIAL / SCIA / DIA e qualora, in sede di presentazione o durante
l'istruttoria, sia rilevato che la qualifica dell'intervento richiede un titolo diverso da quello
presentato, comunica la diversa qualificazione normativa e procede alle segnalazioni
previste dalla legge;
emette il provvedimento finale relativo ai titoli abilitativi edilizi espressi, nonché l’eventuale
motivato diniego;
esercita i poteri sostitutivi di cui al successivo Articolo 19;
esercita il controllo sull’attività edilizia di cui agli Articoli 146 e seguenti del presente
Regolamento, disponendo le opportune verifiche ed emettendo i conseguenti
provvedimenti.
Art.18 CONFERENZA DEI SERVIZI
1. Il Responsabile del Procedimento, nell’ambito delle competenze attribuitegli dalla legge e dal
presente Regolamento, indice, ove necessario, la Conferenza dei Servizi, a scopi istruttori e
decisori, alla quale invita i rappresentanti delle unità organizzative comunali a diverso titolo
interessate anche esterne alle strutture competenti, nonché delle altre Amministrazioni e degli
ulteriori Enti o gestori di servizi pubblici interessati, per l'esame contestuale degli atti del
procedimento e per l’espressione dei pareri di competenza.
La designazione dei rappresentanti delle unità organizzative comunali spetta ai loro Dirigenti;
in caso di mancata designazione, la partecipazione spetta al Dirigente medesimo.
2. La partecipazione alla Conferenza dei Servizi è obbligatoria, salvo precedente trasmissione di
parere favorevole senza prescrizioni, solamente per i rappresentanti che non hanno
trasmesso precedente parere favorevole senza prescrizioni al Responsabile del
Procedimento. Nell’ambito della Conferenza dei Servizi, i rappresentanti delle unità
organizzative comunali, delle Amministrazioni e degli ulteriori Enti o gestori di servizi pubblici
interessati esprimono i pareri su tutte le questioni afferenti l’unità organizzativa di
appartenenza. Tali pareri devono essere motivati in relazione all’oggetto specifico trattato
nella Conferenza; gli stessi devono indicare le modifiche necessarie all’ottenimento del parere
favorevole o possono già esprimersi in senso favorevole con prescrizioni. In ogni caso, le
ragioni dell'eventuale parere negativo devono essere articolatamente motivate.
3. Si considera acquisito l’assenso delle amministrazioni interessate o delle unità organizzative
che, all’esito dei lavori della conferenza, non abbiano espresso definitivamente la volontà
dell’amministrazione rappresentata, fatti salvi i casi espressamente esclusi dalla normativa
vigente. Ove le unità organizzative non abbiano reso parere espresso in sede di conferenza
di servizi, questo ha valore di silenzio assenso e nel prosieguo del procedimento l’unità
organizzativa interessata - nella persona del suo Responsabile - è tenuta a fornire tutte le
indicazioni attuative e le informazioni eventualmente necessarie o utili alla positiva
conclusione del procedimento, senza aggravio del procedimento per il prosieguo dello stesso
e comunque nel rispetto del Piano attuativo o del progetto approvato in sede di conferenza
dei servizi anche mediante silenzio assenso. Ciò vale anche nel caso di approvazione
esplicita del piano o del progetto per tutti i soggetti variamente interessati nel prosieguo del
procedimento.
4. Il soggetto legittimato può partecipare alle sedute della Conferenza dei Servizi tramite il
progettista o altro tecnico delegato, al fine di illustrare il progetto presentato, di fornire
chiarimenti in merito alle problematiche emerse e di essere informato prontamente delle
richieste istruttorie e dei pareri.
21
5. Il termine per l’assunzione della determinazione
definitiva della Conferenza resta compreso
entro il termine fissato per legge per la fase istruttoria del titolo abilitativo edilizio, fatta salva
l’eventuale sospensione dei termini nei casi ammessi dalla legge o dal presente
Regolamento. In ogni caso i lavori della Conferenza sono improntati ai principi di efficacia,
economicità e non aggravamento dell’azione amministrativa.
Art.19 RICHIESTA DEI POTERI SOSTITUTIVI
1. Il soggetto richiedente, legittimato all’intervento, dopo la presentazione dell’istanza per l’avvio
del procedimento senza che allo stesso sia stato dato avvio, e comunque nel corso del
procedimento, decorso il termine per la conclusione dello stesso o per l’adozione del
provvedimento espresso, può fare istanza affinché si proceda, nei tempi e nelle forme
stabilite dalla legge, in via sostitutiva nei confronti del responsabile del Procedimento o del
Dirigente che è rimasto inerte.
2. Il potere sostitutivo delle attività dei Responsabili del Procedimento spetta ai Dirigenti dei
Servizi; per gli atti attribuiti a questi ultimi, il potere sostitutivo spetta al Direttore
gerarchicamente sovraordinato.
3. Restano ferme le norme in materia di poteri sostitutivi regionali.
Art.20 CONSIGLI DI ZONA E EDILIZIA DI INTERESSE ZONALE
1. Le Comunicazioni di Inizio Attività Edilizia Libera (CIAL) sono protocollate presso le Zone di
decentramento di riferimento, che operano nell’ambito delle disposizioni impartite dallo
Sportello Unico per l’Edilizia.
2. Nei casi predetti il personale addetto della Zona:
verifica, anche in fase di accettazione, la completezza e la correttezza della
documentazione presentata;
invia ogni opportuna comunicazione allo Sportello Unico per l’Edilizia, al fine
dell'adozione dei provvedimenti in materia di vigilanza e controllo;
fornisce le informazioni e dispone gli eventuali accessi agli atti rispetto ai fascicoli in
carico. Tali richieste possono essere presentate anche presso lo Sportello Unico per
l’Edilizia, che in tal caso inoltra le richieste all’ufficio di Zona, dandone comunicazione
all’interessato.
3. Sono esclusi dal comma 1 e, pertanto, sono protocollate direttamente presso lo Sportello
Unico per l’Edilizia le CIAL comportanti interventi di manutenzione straordinaria incidenti sulla
facciata o sulle parti esterne dell’edificio o riguardanti più di una unità immobiliare; sono
inoltre escluse le CIAL relative all'installazione di pannelli fotovoltaici, che sono presentate
allo Sportello Unico attraverso procedura telematica.
4. Gli uffici delle Zone sono altresì competenti in ordine alle ulteriori attività che sono loro
assegnate in base a diverse disposizioni regolamentari o appositi provvedimenti deliberativi.
5. Restano ferme le modalità di acquisizione del parere del Consiglio di Zona nelle ipotesi
previste dall’Articolo 29 del Regolamento sul Decentramento; a tal fine è prevista la richiesta
di parere e/o la partecipazione di un rappresentante delle stesse, munito dei necessari poteri,
in tutte le conferenze di servizi.
6. Alle zone deve essere garantito l’accesso alle banche dati che recano le informazioni in
merito a tutte le richieste di intervento (DIA; SCIA; PdC ecc.) che vengono presentate presso
lo Sportello Unico, nonché l’aggiornamento dello stato del procedimento delle stesse.
Art.21 NORMA TRANSITORIA PER L’ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO
1. L’Amministrazione Comunale, entro un anno dall’entrata in vigore del presente Regolamento
Edilizio, adegua la propria struttura organizzativa alle esigenze di funzionamento dello
Sportello Unico per l’Edilizia, garantendo la semplificazione dei procedimenti e le modalità di
coordinamento con le altre Direzioni di settore, cui fanno capo specifici procedimenti
ricompresi nel medesimo Regolamento Edilizio.
22
TITOLO II _ Le procedure
CAPO I INTERVENTI E TITOLI
A
rt.22 TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI EDILIZI
1. Le tipologie degli interventi edilizi sono definite dalla legislazione regionale o nazionale.
2. Ai fini soli dell’individuazione delle procedure interne e dell’organizzazione degli uffici, si
considerano:
1. interventi edilizi minori:
a) manutenzione ordinaria;
b) manutenzione straordinaria;
c) restauro e risanamento conservativo;
d) demolizione, ove richiesta come intervento autonomo ai sensi dell’Articolo 63;
e) realizzazione dei parcheggi pertinenziali (Articolo 115);
f) costruzione dei manufatti provvisori per lo sport, indicata dall’Articolo 116;
g) interventi di rimozione dell’amianto;
h) interventi in materia energetica (ad esempio realizzazione impianto fotovoltaico o
solare termico non connessi ad altre opere);
i) interventi in materia di verde;
2. interventi edilizi maggiori:
a) ristrutturazione edilizia;
b) sostituzione edilizia (demolizione e ricostruzione con la stessa s.l.p. del
preesistente);
c) nuova costruzione;
d) ristrutturazione urbanistica.
3. E’ consentito realizzare su un edificio o un complesso immobiliare interventi edilizi di diversa
tipologia all’interno di un unico procedimento edilizio. In questi casi le tipologie di intervento
devono essere individuate per le singole porzioni immobiliari interessate (corpi di fabbrica,
piani, unità immobiliari, ecc.) e l’intero procedimento segue la tipologia di ordine superiore. Il
contributo di costruzione è calcolato con riferimento alle diverse tipologie.
4. E’ consentito realizzare contemporaneamente, su singoli edifici, interventi che richiedono
procedimenti edilizi tra loro diversi, qualora le opere programmate interessino porzioni e/o
proprietà tra loro autonome dell’edificio. In ogni caso più interventi edilizi minori non possono
condurre ad un organismo edilizio diverso dal precedente.
Art.23 ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI
1. In conformità alle previsioni del Piano di Governo del Territorio, l’attuazione degli interventi
edilizi avviene con:
modalità diretta, mediante l’esercizio dell’attività edilizia libera o la formazione del titolo
abilitativo nelle forme di cui ai successivi articoli;
modalità diretta convenzionata, subordinata alla sottoscrizione da parte del soggetto
legittimato di un atto unilaterale d’obbligo, registrato e trascritto, o alla stipulazione di una
convenzione anch’essa da registrare e trascrivere, atti entrambi preordinati all’esercizio
dell’attività edilizia o alla formazione del titolo abilitativo;
modalità subordinata a pianificazione attuativa, mediante il ricorso a piani attuativi o a
programmazione negoziata.
2. Tutti i progetti di opere edilizie non realizzabili mediante attività libera, indipendentemente dal
procedimento seguito, devono obbligatoriamente contenere la documentazione richiesta per i
progetti edilizi nonché la documentazione prevista per la specifica fattispecie.
Determina 3-2015
23
3. L’attuazione dei piani attuativi e degli atti di
p
r
o
g
r
a
m
m
a
z
i
o
n
e
negoziata avviene in conformi
alle prescrizioni stabilite dall’Amministrazione nei predetti piani e programmi, fatte salve le
prescrizioni dettate dalla normativa sopravvenuta.
4. La realizzazione di interventi che alterino lo stato dei luoghi o l’aspetto esteriore di immobili
soggetti a tutela ai sensi del D.Lgs. 42/2004 e s.m.i. è sottoposta alle procedure ivi previste, a
quelle regionali in materia, nonchè alle disposizioni della Parte II, Titolo III del presente
Regolamento (Tutela paesaggistica).
Art.24 ATTIVITA’ EDILIZIA LIBERA
Gli interventi di cui all’art. 6, comma 1, del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. possono essere eseguiti
senza titolo abilitativo o preventiva comunicazione, nel rispetto di quanto disposto dal citato
Articolo.
Art.25 COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA’ EDILIZIA LIBERA (C.I.A.L.)
Inizio dei lavori: immediato
Conclusione lavori: tre anni dalla presentazione
1. Gli interventi di cui all’art. 6, comma 2, del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. possono essere eseguiti
senza titolo abilitativo, previa comunicazione di inizio lavori (C.I.A.L.), nel rispetto di quanto
disposto dal citato Articolo.
2. Per gli interventi di cui all’art. 6, comma 2, lettere a) ed e-bis) del D.P.R. 380/2001 e s.m.i.,
unitamente alla comunicazione di inizio lavori deve essere presentata la relazione tecnica
corredata dagli elaborati progettuali ed asseverata secondo quanto dispone l’art. 6, comma 4,
del D.P.R. 380/2001 e s.m.i..
3. Gli interventi soggetti a comunicazione di cui ai precedenti commi 1 e 2 saranno comunque
individuati nella modulistica pubblicata sul sito internet dell’Amministrazione.
4. L’inizio dei lavori e la conclusione degli stessi deve obbligatoriamente avvenire entro tre anni
dalla data della presentazione della comunicazione.
5. E’ facoltà del soggetto interessato e del professionista che ha sottoscritto l’asseverazione di
comunicare alla Struttura competente la fine dei lavori.
Art.26 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA’ (S.C.I.A.)
Inizio dei lavori: immediato
Conclusione lavori: tre anni dalla presentazione
1. Gli interventi di cui all’art. 19 della L. 241/1990 e s.m.i. possono essere eseguiti previa
Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA). Gli interventi soggetti a S.C.I.A. saranno
indicati nella modulistica pubblicata sul sito internet dell’Amministrazione.
2. Gli interventi oggetto della segnalazione possono essere iniziati a partire dalla data della
presentazione della segnalazione alla Struttura competente.
3. La segnalazione certificata di inizio attività pessere presentata anche a mezzo posta con
raccomandata e avviso di ricevimento. In tal caso, essa si considera presentata alla data di
ricevimento della raccomandata da parte della Struttura competente.
4. La segnalazione certificata di inizio attività è sottoposta al termine massimo di efficacia di tre
anni dalla data della presentazione, fatta salva diversa disposizione di legge.
5. ll soggetto interessato è tenuto a comunicare alla Struttura competente la data di ultimazione
dei lavori.
6. La realizzazione della parte di intervento non ultimata nel predetto termine è subordinata a
nuova denuncia, in quanto non è prevista dalla normativa la proroga alla SCIA.
Art.27 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA’ (D.I.A.)
Inizio dei lavori: trascorsi 30 giorni dalla presentazione - comunque entro un anno da tale data (30°
giorno)
Conclusione lavori: tre anni dall’inizio dei lavori
Titoli e interventi edilizi
modulo C.I.L. zonale
modulo C.I.L.A. SUE
modulo C.I.L.A. zonale
elenco documentazione
modulo SCIA minori
elenco documentazione minori
modulo SCIA maggiori/siasu
elenco document. scia maggiori
modulo fine lavori scia minori
modulo fine lav. agibilità scia interventi maggiori
modulo proroga fine lavori minori
modulo proroga fine lavori magg.
24
1. Ferma restando l’applicabilidella disciplina d
i
c
u
i
a
l
p
r
e
c
e
d
e
nte Articolo 24, chi ha titolo per
presentare istanza di permesso di costruire ha facoltà, alternativamente e per gli stessi
interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia, di inoltrare alla Struttura competente una
denuncia di inizio attività (DIA) ai sensi e per gli effetti degli Artt. 41 e 42 della L.R. 12/2005 e
s.m.i., salvo quanto disposto dall’Art. 52, comma 3 bis, della citata legge. Gli interventi
soggetti a DIA saranno indicati nella modulistica pubblicata sul sito internet
dell’Amministrazione.
2. La realizzazione di interventi che interessano immobili sottoposti a tutela storico-artistica e
paesaggistico-ambientale è subordinata al preventivo rilascio del parere o dell’autorizzazione
richiesta dal D.Lgs. 42/2004 e s.m.i.. Qualora il parere o l’autorizzazione non siano già
allegati alla richiesta, il richiedente può allegarne la domanda, completa di tutti gli elaborati
richiesti, al fine dell’inoltro da parte dello Sportello Unico alla Struttura competente.
3. I lavori oggetto della denuncia di inizio attività non possono essere iniziati prima di trenta
giorni dalla relativa presentazione alla Struttura competente e devono comunque essere
iniziati entro un anno dalla data di efficacia della denuncia stessa, fatta salva diversa
disposizione di legge, dandone comunicazione alla Struttura competente.
4. I lavori devono essere ultimati entro tre anni dall’inizio dei lavori, fatta salva diversa
disposizione di legge.
5. La realizzazione della parte di intervento non ultimata nel predetto termine è subordinata a
nuova denuncia, in quanto non è prevista dalla normativa la proroga alla DIA.
Art.28 PERMESSO DI COSTRUIRE
Inizio dei lavori: dal rilascio, anche per silenzio assenso, e comunque entro un anno da tale data,
salvo diversa indicazione più restrittiva sul titolo.
Conclusione lavori: entro tre anni dal rilascio o silenzio assenso, salvo diversa indicazione più
1. Gli interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia sono subordinati a Permesso di
Costruire come statuito dall’Art. 33 della L.R. 12/2005 e s.m.i., fermo restando quanto
disposto dall’art. 41 della citata legge regionale. Gli interventi sottoposti a Permesso di
Costruire saranno indicati nella modulistica pubblicata sul proprio sito web istituzionale.
2. Il procedimento per il rilascio del permesso di costruire è disciplinato dall’art. 38 della L. R.
12/2005 e s.m.i. I termini di cui ai commi 3 e 5 del citato Articolo sono raddoppiati, ai sensi e
per gli effetti di quanto dispone il successivo comma 8 del medesimo Articolo.
3. Decorso inutilmente il termine per l’adozione del provvedimento conclusivo, ove il Dirigente
non abbia opposto motivato diniego, sulla domanda di permesso di costruire si intende
formato il silenzio-assenso, fatti salvi i casi non ammessi dalla legge.
4. Nel permesso di costruire sono indicati i termini di inizio e di ultimazione dei lavori. Il termine
per l'inizio dei lavori non può essere superiore ad un anno dal rilascio del titolo; quello di
ultimazione, entro il quale l'opera deve essere completata, non può superare i tre anni
dall'inizio dei lavori o dalla formazione del silenzio assenso.
Entrambi i termini possono essere prorogati, con provvedimento motivato, qualora ricorrano
le fattispecie previste dalla legge o previa comunicazione dell’interessato quando ricorrano i
presupposti della L. 98/2013.
5. Il soggetto interessato, nel caso si avvalga del silenzio assenso, è comunque tenuto a
comunicare alla Struttura competente la data di inizio dei lavori, nonché a procedere entro 30
giorni dalla data di formazione dello stesso a versare quanto dovuto a titolo di contributo di
costruzione, eventualmente comunicando la scelta di procedere a rateizzazione del
versamento ed allegando in tal caso le garanzie dovute. In caso di mancato versamento nei
termini si applicano le sanzioni per il ritardato pagamento previste dalla legge.
6. Il Permesso di Costruire a sanatoria è soggetto alla normativa del presente Articolo per
quanto non diversamente disposto dalla legge.
Art.29 PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (P.A.S.)
Inizio dei lavori: trascorsi 30 giorni dalla data di presentazione
Conclusione lavori: 3 anni dall’inizio dei lavori
modulo proroga fine lavori maggiori
Modulo PdC Minori Maggiori
Elenco documentazione PdC Minori Maggiori
restrittiva sul titolo.
modulo proroga fine lav. minori
Inizio Lavori PdC Minori Maggiori
Fine Lavori PdC Minori Maggiori con Agibilità
25
1. Gli interventi di costruzione ed esercizio degli
i
m
p
ianti alimentati da fonti rinnovabili, secondo
quanto dispone il D. Lgs. 28/2011, sono eseguibili con la Procedura Abilitativa Semplificata
(P.A.S.).
2. La dichiarazione di costruzione ed esercizio degli impianti alimentati da fonti rinnovabili deve
essere redatta utilizzando i modelli predisposti dagli uffici comunali, compilati in ogni loro
parte.
3. Decorsi trenta giorni dalla protocollazione presso il Settore competente della predetta
dichiarazione matura il silenzio assenso per l'inizio delle opere che devono essere realizzate
entro e non oltre tre anni da tale data.
4. Eseguiti i lavori devono essere presentati la comunicazione di fine lavori, il certificato di
collaudo e copia dell'avvenuta presentazione della variazione catastale, ove necessaria.
Art.30 DESTINAZIONI D'USO
1. Le destinazioni d’uso e i loro mutamenti sono disciplinati dalla legge regionale nel rispetto di
quanto stabilito dal Piano di Governo del Territorio.
2. In caso di mutamento di destinazione d’uso deve essere allegata al progetto o alla
comunicazione l’autocertificazione di un professionista abilitato attestante il rispetto dei
requisiti di legge in materia igienico-sanitaria e ambientale.
3. I mutamenti di destinazione d’uso di immobili non comportanti la realizzazione di opere
edilizie, ai sensi dell’art. 52, comma 2, della L.R. 12/2005 e s.m.i. sono soggetti a preventiva
comunicazione del soggetto interessato al Comune, ferme restando le disposizioni di cui
all’art. 20, comma 1, del D.Lgs. 42/2004 e s.m.i. Qualora la destinazione d’uso sia comunque
modificata nei dieci anni successivi all’ultimazione dei lavori di un titolo edilizio precedente,
l’ammissibilità della stessa, il contributo di costruzione e le dotazioni territoriali dovute sono
determinati ricongiungendo l’intervento edilizio al cambio di destinazione d’uso.
4. La comunicazione del mutamento di destinazione d'uso deve essere presentata alla Struttura
competente secondo la modulistica pubblicata sul sito web istituzionale, compilata in ogni sua
parte, indicando: la destinazione d’uso attuale e quella prevista; l’attestazione della
conformità del mutamento alle previsioni urbanistiche vigenti e, se ricorre il caso, alle
previsioni urbanistiche adottate, nonc alle norme regolamentari; la superficie lorda di
pavimento oggetto di mutamento di destinazione; la tabella di calcolo del contributo se
dovuto; copia dell’attestazione del versamento del contributo se dovuto (comprensivo delle
monetizzazioni per il reperimento delle dotazioni territoriali) in caso di versamento in unica
soluzione ovvero della prima rata, allegando le fidejussioni per le rateizzazioni del contributo
di costruzione e dell’eventuale monetizzazione, nel caso di pagamento in forma rateale.
5. La Struttura competente verifica la sussistenza dei presupposti di legge e di regolamento e il
corretto assolvimento degli obblighi contributivi e delle dotazioni.
6. Per gli edifici con destinazione produttiva (fabbricati con tipologia e destinazione propria ove
vengano svolte attività di produzione e trasformazione di beni) il Comune, nell’esame di
ammissibilità del progetto, al fine di evitare l’elusione delle norme in materia di compatibilità
dei suoli e il proliferare di fenomeni di abusivismo tipici delle attuali zone industriali dismesse,
verifica in particolare la coerenza tra le caratteristiche architettoniche degli edifici progettati e
la destinazione funzionale dichiarata con particolare riferimento a:
caratteristiche distributive e dimensionali delle unità immobiliari e dei singoli locali;
soddisfacimento di quanto previsto dal regolamento di igiene in materia di servizi
igienici, spogliatoi e finiture;
presenza di spazi accessori tipici della destinazione residenziale quali balconi,
terrazze, logge, giardini pensili, serre, piuttosto che spazi accessori tipicamente
produttivi quali aree per lo stoccaggio e la movimentazione dei materiali.
7. Nel caso degli insediamenti commerciali, la conformità d’uso alle destinazioni di PGT deve
essere assicurata anche in sede di subentro; non è consentito il subentro in autorizzazioni
commerciali divenute incompatibili con gli strumenti urbanistici sopravvenuti.
Art.31 PERMESSI DI COSTRUIRE IN DEROGA
modulo cambio uso minori entro 10 anni
modulo cambio uso minori dopo 10 anni
modulo cambio uso maggiori entro 10 anni
monetizzazione delle aree a standard - link comune
Possono essere rilasciati permessi di costruire in d
e
r
o
g
a alle norme del presente Regolamento e
allo strumento urbanistico generale, per opere riguardanti edifici ed impianti pubblici o di
interesse pubblico, ai sensi e nei limiti di quanto stabilito dalle normative vigenti.
In questa ipotesi, il Dirigente competente, in esito all’istruttoria tecnico – amministrativa sul
progetto e previa deliberazione di Consiglio Comunale, rilascia il permesso di costruire in deroga.
Art.32 ESECUZIONE DI OPERE PUBBLICHE
1. I progetti di opere pubbliche di competenza comunale sono approvati dal Consiglio Comunale
ovvero dalla Giunta Comunale e, se assistiti dall’atto di validazione del progetto ai sensi della
normativa sui lavori pubblici, producono gli effetti del permesso di costruire.
2. La realizzazione di opere e di interventi pubblici, diversi da quelli del comma 1, sono
disciplinati dalle normative di settore vigenti.
3. E’ fatta salva la facoltà di avvalersi delle procedure di formazione dei titoli abilitativi edilizi di
cui al presente Regolamento.
CAPO II - MODALITA DIRETTA CONVENZIONATA
Art.
33 MODALITA’ DIRETTA CONVENZIONATA
1. Sono titoli edilizi convenzionati quelli per i quali è richiesta la presentazione da parte del
soggetto legittimato di un atto unilaterale d’obbligo, il cui contenuto sia stato verificato e
assentito dall’Amministrazione comunale, ovvero è richiesta la sottoscrizione di una
convenzione, ai sensi dell’Articolo 11 della legge 241/1990 e s.m.i.
2. E’ previsto il ricorso all’atto unilaterale d’obbligo nei casi in cui la dichiarazione di volontà del
soggetto legittimato sia sufficiente a realizzare l’effetto giuridico conforme all’intento del
dichiarante. E’ previsto il ricorso alla convenzione nei casi in cui l’effetto giuridico si produce
con il concorso delle dichiarazioni di volontà del soggetto legittimato e dell’Amministrazione
Comunale. I successivi Articoli 34, 35, 36, 37 e 38 individuano le varie fattispecie di interventi
assoggettati ad atto d’obbligo e a convenzione.
3. Nelle zone A di recupero” e nelle zone B di recupero”, disciplinate dal Piano delle Regole
del P.G.T., per il tempo ivi previsto, gli interventi sono subordinati alla sottoscrizione di una
convenzione laddove espressamente indicato (tavola “Modalità di intervento ed allegato E
alle N.T.A. della Variante) o in relazione alle modifiche apportabili alle modalità di intervento o
alle prescrizioni progettuali previste nell’elaborato del “Progetto-Guida” sulla base della
normativa.
4. Nelle ipotesi di cui agli articoli 4.9 e 5.6 delle Norme di Attuazione del Piano dei Servizi
l’inclusione sia di funzioni urbane sia di diritti edificatori avviene mediante lo strumento
urbanistico/edilizio attuativo individuato da deliberazione di consiglio comunale, ivi compresa
la modalità diretta convenzionata.
5. La domanda di permesso di costruire o la presentazione del titolo abilitativo deve essere
corredata, oltre che dalla documentazione richiesta per il progetto edilizio, anche da quella di
seguito indicata, e oggetto di dettaglio e aggiornamento sul sito web del Comune:
a) uno schema di atto unilaterale d’obbligo o di convenzione, sottoscritti dal soggetto
legittimato, nei quali è disciplinato l'oggetto, gli obblighi assunti e il contenuto del
convenzionamento;
b) documentazione progettuale afferente ogni contenuto da disciplinare e a titolo di esempio:
(i) aspetti tipologici, morfologici e planivolumetrici; (ii) il progetto dell’intervento edilizio
privato; (iii) progetti definitivi delle eventuali opere di urbanizzazione e/o attrezzature di
interesse pubblico; (iv) servizi da realizzare / gestire / convenzionare; (v) azioni volte al
miglioramento complessivo delle attivi produttive in essere; (vi) gli interventi di
mantenimento e restauro di interi immobili di interesse storico e artistico di cui al D.Lgs.
42/2004 e s.m.i. finalizzati alla conservazione del loro uso ed utilità pubblica, nelle ipotesi
previste dalla normativa legislativa e regolamentare.
determina 3/2015 modalità diretta convenzionata-indicazioni operative
bozza atto unilaterale d'obbligo
DD 67-2015 schema convenzione PdC convenzionato
26
Bozza atto unilaterale d'obbligo a) Bozza atto unilaterale d'obbligo b)
Bozza atto unilaterale d'obbligo c)
Bozza atto unilaterale d'obbligo c)
27
6. Il suddetto schema di atto unilaterale d’obbligo
o di convenzione potrà essere integrato e/o
modificato nel corso del procedimento, sulla base delle risultanze dell'istruttoria e in
particolare dei pareri acquisiti.
7. Fermo restando il procedimento di cui ai commi 2, 3, e 4, di cui al precedente Articolo 28
(Permesso di costruire), l'assenso dell’atto unilaterale d’obbligo da parte dell’Amministrazione
Comunale o la stipula della convenzione sono presupposti per il perfezionamento dei titoli
edilizi; detti atti, registrati e trascritti, costituiscono parte sostanziale ed integrante dei titoli
abilitativi.
8. Fatto salvo l’espletamento del procedimento istruttorio sul progetto presentato e in esito allo
stesso, l’Amministrazione potrà valutare il perfezionamento di un atto d’obbligo in luogo della
convenzione ovvero il ricorso alla modalità diretta in luogo della modalità diretta
convenzionata.
9. E’ fatta salva la facoltà di procedere alle verifiche preliminari facoltative di cui all’Articolo 40
(Istruttoria preliminare facoltativa).
28
A
r
t
.
3
4
UTILIZZO E TRASFERIMENTO DI DIRITTI EDIFICATORI
1. Sono soggetti a preventiva sottoscrizione di convenzione con l’Amministrazione comunale gli
interventi che contemplano:
a) trasferimento di diritti edificatori da area di pertinenza indiretta, con cessione della stessa,
ad area di pertinenza diretta;
b) realizzazione in immobili all’interno di aree di pertinenza diretta di servizi alla persona,
mediante convenzionamento / regolamento d’uso / atto di asservimento / accreditamento dei
medesimi servizi, con trasferimento dei diritti edificatori ivi generati in altre aree o
mantenimento allinterno della stessa;
c) interventi di mantenimento e restauro di interi immobili di interesse storico e artistico, di cui
al D.lgs 42/2004 e s.m.i, per conservarli all’uso e all’utilità pubblica, ove finalizzati
all’ottenimento dell’incremento ulteriore previsto dall’Articolo 10.4 delle Norme di Attuazione
del Piano delle Regole.
d) azioni volte al miglioramento complessivo delle attività produttive in essere, ove finalizzate
all’ottenimento degli incentivi ai cui all’Articolo 5.5 delle Norme di Attuazione del Piano delle
Regole. Nell’atto convenzionale dovranno tra l’altro indicarsi i diritti edificatori utilizzati in
loco e quelli trasferiti altrove, nonché prevedersi un monitoraggio degli effetti sulle attività
produttive nei 24 mesi successivi alla conclusione degli interventi. Nella convenzione
dovranno essere previsti gli obblighi inerenti agli eventuali mutamenti di destinazione d’uso
successivi all’ottenimento degli incentivi.
2. Sono soggetti alla presentazione di atto unilaterale d’obbligo gli interventi che prevedono
l’utilizzo di diritti edificatori provenienti da perequazione, acquisizione e trasferimento di diritti
edificatori, nonché da incentivi.
3. Restano fermi tutti gli obblighi di annotazione sul registro dei diritti edificatori, in conformità a
quanto previsto dal Piano di Governo del Territorio, nonché dei suoi atti e provvedimenti
attuativi (delibere e determine).
4. La richiesta di annotazione sarà effettuata da parte della proprietà (o avente diritto) al Settore
competente ai fini del rilascio del certificato dei Diritti Edificatori, fatta salva la possibilida
parte del Responsabile del Procedimento di inoltrare d'ufficio tale richiesta.
Art.35 CONVENZIONAMENTO TIPOLOGICO E PLANIVOLUMETRICO
1. Sono soggetti alla sottoscrizione di un atto d’obbligo gli interventi per i quali è prevista la
regolamentazione degli aspetti tipologici e planivolumetrici, in relazione alla modifica di
sagoma e/o di sedime e/o alla tipologia di intervento nonché allo scostamento dalle previsioni
morfologiche fissate dal PGT. Il soggetto legittimato deve motivare le ragioni delle scelte
effettuate nel progetto che mediante la sottoscrizione dell’atto d’obbligo si impegna a
realizzare nel rispetto del parere vincolante della Commissione per il Paesaggio.
2. Sono soggetti a preventiva sottoscrizione di una convenzione con l’Amministrazione
comunale gli interventi che contemplino una disciplina dell’assetto planivolumetrico e delle
tipologie edilizie a superamento delle prescrizioni relative all’ambito vincolato ex legge
1497/39 del tratto di Naviglio Grande e Pavese in Comune di Milano.
Art.36 CESSIONE DI AREE, REALIZZAZIONE DI OPERE A SCOMPUTO E CONFERIMENTO DI
DOTAZIONI TERRITORIALI PER SERVIZI
1. Sono soggetti a presentazione di atto unilaterale d’obbligo gli interventi che prevedono la
realizzazione di opere di urbanizzazione primaria strettamente funzionali ai fini dell’agibilità
dell’intervento e la cessione delle aree interessate da tali opere.
2. Sono soggetti a preventiva sottoscrizione di una convenzione con l’Amministrazione
comunale gli interventi che contemplino la cessione di aree e/o il conferimento di dotazione
territoriale per servizi sotto indicate:
a) cessione di area, diversa dal caso contemplato al comma 1;
b) asservimento di area;
DGR 9212-30.03.2009 vincolo paesistico ambito tra naviglio grande e pavese
registro diritti edificatori
Delibera GM 890/2013
D D 29/2013 istituzione registro
4 moduli richiesta annotazione diritti edificatori
29
c) conferimento di dotazione territoriale per serviz
i
m
e
d
i
a
nte realizzazione di attrezzature
di interesse pubblico o generale.
3. Sono soggetti a preventiva sottoscrizione di una convenzione con l’Amministrazione
comunale gli interventi che contemplino la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria e
secondaria a scomputo della quota di contributo di costruzione afferente agli oneri di
urbanizzazione, nonché cessione delle aree interessate da tali opere.
4. I procedimenti di cui ai precedenti commi 2 e 3 contemplano il coinvolgimento delle Zone
secondo le modalità previste all’articolo 29 del Regolamento sul Decentramento.
Art.37 REALIZZAZIONE EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE
Sono soggetti a preventiva sottoscrizione di una convenzione con l’Amministrazione gli interventi
di edilizia residenziale sociale secondo le tipologie e le modalità individuate da provvedimenti
della stessa Amministrazione.
Art.38 CONVENZIONAMENTO DELLE FUNZIONI COMMERCIALI
1. Sono soggetti a preventiva sottoscrizione di una convenzione con l’Amministrazione
comunale gli interventi che contemplano le fattispecie sotto indicate:
a) realizzazione e la localizzazione di attrezzature commerciali, come disciplinate in relazione
agli ambiti del Tessuto urbano consolidato, secondo la classificazione dimensionale prevista
agli Artt. 25 e 27 del Piano delle Regole del PGT all’aumentare della Superficie di Vendita
(S.d.V.).
b) localizzazione di funzioni urbane commerciali negli spazi esistenti in corrispondenza dei
mezzanini nelle infrastruttur<